Andrea Giacobbe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Andrea Giacobbe (Firenze, 1968) è un fotografo, regista e pittore italiano, di tipo neo surrealista che vive e lavora in Francia a Parigi. I suoi lavori prendono ispirazione dalla cultura degli anni cinquanta e incorporano elementi di fantascienza e satira. Come per il collega Stéphane Sednaoui, il suo approccio alla moda è energico e talvolta caricaturale.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Andrea Giacobbe è nato e cresciuto a Firenze. Nel 1987 si trasferisce a Londra dove inizia a lavorare come assistente fotografo di Paolo Roversi e dove studia fotografia per tre anni al Bournemouth & Poole College of Art & Design.[1] Ha cominciato la sua carriera nel 1992 dopo essersi trasferito a Parigi e ha pubblicato fotografie in varie riviste come Spin, The Face, Marie Claire, Rolling Stone, Vibe, The New York Times Magazine, Arena e Dazed & Confused, ma è anche noto per i ritratti di star musicali come Björk, The Prodigy, P. Diddy, Trent Reznor, Beck, Marilyn Manson, The Future Sound of London, The Chemical Brothers, Damon Albarn, Billy Corgan e molti altri. Ha lavorato per le case di produzione Bandits in Francia e Propaganda Films negli Stati Uniti. Tra i suoi lavori più celebri ci sono i video musicali diretti per Death in Vegas, Garbage, Atari Teenage Riot, Nine Inch Nails e Perry Farrell e le pubblicità per Danone, Maison Fabergé, Kodak, Evian, Goldman Sachs, Nike, Coca-Cola, Diesel, Sony Ericsson, Nestlé e il canale francese Arte. Nel 2008 realizza il suo primo cortometraggio intitolato Mr. Logo.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo Artista Album Note
1995 Tracks Arte Nessuno Spot pubblicitario per la televisione francese e tedesca
1997 Dirt Death in Vegas Dead Elvis
1998 Push It Garbage Version 2.0
1999 Revolution Action Atari Teenage Riot 60 Second Wipeout
2001 Song Yet to Be Sung Perry Farrell Song Yet to Be Sung
2005 Right Where It Belongs Nine Inch Nails With Teeth
Eraser (versione 2) Nine Inch Nails Beside You in Time

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Andrea Giacobbe, su lemonde.fr. URL consultato il 22 novembre 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]