Andrea Coen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Andrea Coen (Roma, 22 novembre 1960) è un clavicembalista, organista e musicologo italiano, che ha fondato con Flavio Colusso l'Ensemble Seicentonovecento. Dal 1971 è organista titolare della Chiesa di San Giacomo in Augusta, a Roma.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureatosi in Lettere presso l'Università degli Studi di Roma "La Sapienza" nel 1985, e diplomatosi in clavicembalo nel 1987 presso il Royal College of Music di Londra, si è specializzato in clavicembalo con Ton Koopman, David Collyer, Daniel Chorzempa, in organo con Wijand van De Pol, in fortepiano con Alan Curtis, Glen Wilson e Piero Rattalino. È uno specialista della musica per tastiera del XVIII secolo, di cui ha curato edizioni critiche e che ha inciso frequentemente. Di Domenico Cimarosa, conosciuto soprattutto come operista, ha curato l'edizione critica delle 88 sonate per cembalo o fortepiano (che ha in seguito proposto in concerto e poi inciso integralmente) e l'edizione critica del Sestetto primo, rivelandone così l'importanza anche come compositore di musica strumentale.[1][2][3]

Concerti[modifica | modifica wikitesto]

Come clavicembalista, organista e fortepianista ha suonato: a Roma - nelle stagioni dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia; nella tournée del Maggio Musicale Fiorentino ad Abu Dhabi e Dubai; al Festival de Beaune in Francia; al Festival di Musica Antica ad Innsbruck; al Theater an der Wien di Vienna, Bach Festival di Riga, in Lettonia; Festival val Vlaanderen a Lommel, in Belgio; al Festival di Bratislava, nella Repubblica Ceca.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Johann Christian Bach, Wolfgang Amadeus Mozart & a., Les castrat au temps de Mozart, A.Christofellis - Ensemble Seicentonovecento, F.Colusso, A.Coen, cembalo - EMI 5 56134 2
  • Georg Friedrich Haendel, Antonio Vivaldi &. a., Superbo di me stesso, A.Christofellis - Ensemble Seicentonovecento, F.Colusso, A.Coen, cembalo e organo - EMI 5 55194 2
  • Giovanni Battista Pergolesi, Johann Adolf Hasse &. a., Quel usignuolo, A.Christofellis - Ensemble Seicentonovecento, F.Colusso, A.Coen, cembalo e organo - EMI 5 56134 2
  • Antonio Vivaldi, Le quattro stagioni, I Solisti Italiani, A.Coen, organo - DEN CO 80539
  • Giacomo Facco, Pensieri Adriarmonici Op.1, L'Arte dell'Arco, F.Guglielmo, A.Coen, cembalo e organo - DHM 77514 2
  • Antonio Vivaldi, Avanti l'opera, Sinfonie & Concerti, L'Arte dell'Arco, C.Hogwood, A.Coen, cembalo e organo - DHM 77501 2
  • Domenico Cimarosa, Integrale delle Sonate per fortepiano, I vol., Sonate C.1 - C. 44 - STR 33414, II vol., Sonate C.45 - C. 71 STR 33415, III vol., Sonate C. 72 - C. 88, Andrea Coen, fortepiano (Schantz, 1800 ca.) - STR 33416[4][5][6][7][8][9][10][11]
  • Domenico Cimarosa, Concerti, Sestetti, Quartetti, L'Arte dell'Arco, F. Guglielmo, Andrea Coen, fortepiano (Clementi, 1815 ca.) - STR 33604
  • Costanzo Antegnati, Organ work - STR 33604
  • Francesco Maria Veracini - Arcangelo Corelli, Dissertazioni sull' op. V - STR 33604[12]
  • Niccolò Porpora, Sonate XII a violino e basso, G.Guglielmo, violino; P.Bosna, cello; A.Coen, cembalo - DYN CDS 202 (2 CD)
  • Muzio Clementi, Sonate per flauto e fortepiano, L. Pontecorvo, flauto; A. Coen, fortepiano (Broadwood, 1825 ca.) - DYN CDS 224[13]
  • Giacomo Carissimi, Integrale degli Oratori, Ensemble Seicentonovecento, F.Colusso, A. Coen, cembalo, organo e regale - MR 10020, 9 CD
  • Pasquale Anfossi, La nascita del Redentore, L. Petroni, A. M. Ferrante - Ensemble Seicentonovecento, F. Colusso, A. Coen, organo - MR 10018, 2 CD
  • Pietro Antonio Locatelli, Sonate op. 5, L'Arte dell'Arco, A.Coen, cembalo - MR 10004
  • Jacques Arcadelt & a., La bella Maniera, Ensemble Seicentonovecento, F.Colusso, A.Coen, organo e flauto diritto - MR 10045
  • Giuseppe Tartini, Le ultime cinque Sonate, G. Guglielmo, violino; A.Coen, clavicembalo - MRM 101
  • Jacques Arcadelt, Giacomo Carissimi, Seicentonovecento a Villa Medici, Ensemble Seicentonovecento, F.Colusso, A. Coen, organo e flauto diritto - ORFO 25
  • Giovanni Battista Pergolesi, Leonardo Leo e a., Sinfonie e Sonate, V. Paternoster e P. Bosna, cello, A. Coen, clavicembalo - GB 10015 2
  • Muzio Clementi, Trii op. 21 e op.22, E. Casularo, flauto; V. Paternoster, cello; A. Coen, cembalo - GB 10007 2
  • Giacomo Carissimi, SS.Vergine, Daniele, Ensemble Seicentonovecento, F. Colusso, A.Coen, organo - GB 10011 2
  • Giacomo Carissimi, Le Vanitas, Ensemble Seicentonovecento, F. Colusso, A.Coen, organo - GB 10007 2
  • Antonio Vivaldi, Ottone in villa, P. Pace, A. M. Ferrante, A.Christofellis, J.Nirouet, L.Petroni, Ensemble Seicentonovecento, F. Colusso, A.Coen, maestro al cembalo - GB 10016 2, 2 CD
  • Georg Friedrich Haendel, Salvatore Lanzetti, Per voce e violoncello, L. Loell, mezzosoprano; C. Ronco e J. Mondor, cello, A. Coen, clavicembalo e organo - CRGC 001, 2 CD
  • Benedetto Marcello, flute Sonatas, Flatus Recording FS 0104-09
  • Robert Valentine, flute sonatas, Flatus Recording
  • Venetian composers of XVIII cent., flute sonatas, Flatus Recording
  • Giovanni Battista Martini, Don Chisciotte, Intermezzi (rev. A.Coen), I Virtuosi di S.Cecilia, F.Vizioli, A. Coen, maestro al cembalo - ITC 9310
  • Autori romani del secolo XVI, In artificio scientia, Ensemble Harmonia Antiqua, A.Coen, clavicembalo - SEL
  • AA. VV. Sinfonie avanti l’Opera, “Intorno a Mozart
  • Domenico Cimarosa, Atene riconosciuta
  • Domenico Cimarosa, Coeli Voces, mottetti
  • AA. VV, Venite Pastores,
  • Giacomo Carissimi, L’Essercitio dell’Oratorio,
  • Giacomo Carissimi, Arion Romanus
  • Alessandro Scarlatti, Musica Sacra vocale e organistica, CPO Classics
  • Lodovico Giustini da Pistoia, XII sonate per cimbalo di pian e forte, 3CD Brilliant Classics 94021, World Premier Recording[14][15]
  • Giuseppe e Giovanni Battista Sammartini, Concerti e Sonate, 1 CD Brilliant Classics
  • Domenico Scarlatti, Sonate per viola d’amore e cembalo, 1 CD Brilliant Classics
  • Georg Philipp Telemann, Complete Fantasias for Harpsichord (3 CDs), Brilliant Classics
  • Antonio Vivaldi, Il pastor fido
  • Carl Philipp Emanuel Bach, Musica da camera con clavicembalo obbligato
  • Giacomo Carissimi, Arion Romanus (3CD)
  • Carl Philipp Emanuel Bach, Tutte le Variazioni per fortepiano, Brilliant Classics, 2 Cd 95305BR[16]
  • Carl Philipp Emanuel Bach, Sonate per fortepiano e violino
  • Johann Joachim Quantz, Trio sonate e concerti
  • Filippo Ruge, Sonate e Concerti

Edizioni ed edizioni critiche[modifica | modifica wikitesto]

  • Domenico Cimarosa, Le 88 Sonate per Clavicembalo o Fortepiano, 2 voll. Zanibon, Padova, 1988/90 (Edizione critica integrale).
  • Giovanni Battista Martini, Il Don Chisciotte, Intermezzi. Ed. Italcable, Roma, 1993 (Revisione critica).
  • Domenico Cimarosa, Sestetto Primo, Ut Orpheus, Bologna, 1997 (Edizione critica).
  • AA.VV, L'Intavolatura di Ancona (1644), Accademia Clavicembalistica Bolognese, Bologna, 1997 (Edizione critica).
  • Domenico Cimarosa, Sestetto Secondo, Ut Orpheus, Bologna, 1998 (Edizione critica).
  • Benedetto Marcello, L’estro poetico-armonico, 8 voll., Ut Orpheus, Bologna, 2011.
  • Muzio Clementi, Musica pianistica, organistica e vocale in seno agli Opera Omnia, Ut Orpheus, Bologna, 1999.
  • Arcangelo Corelli, Cantate per Solfeggio a due canti, Ut Orpheus, Bologna, 2013.

Voci d'enciclopedia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV., Dizionario della Musica per Pianoforte, redazione delle voci clavicembalistiche, Rusconi Editore, Milano, 1994.

Comitati scientifici[modifica | modifica wikitesto]

  • È membro del Comitato scientifico per gli Opera Omnia di Muzio Clementi e dell'Advisory Board di “Ad Parnassum”[17], nonché della Societée d’Orchestre de Sion.
  • È stato consulente artistico del progetto “Verso il 2005. Giacomo Carissimi Maestro dell’Europa musicale”, Roma, e coordinatore del comitato scientifico del “Centro Studi Carestini”, Filottrano, 2015.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ «L'opera di Andrea Coen raccoglie per la prima volta tutte le sonate di Domenico Cimarosa: l'autore, infatti, pubblica le ottantotto Sonate in due volumi che sono stati più volte ristampati nel corso degli ultimi due decenni, contribuendo in questo modo al difficile lavoro dello studioso che voglia approfondire la conoscenza di questo repertorio». In Fabio Dell'Aversana, Le composizioni per strumenti a tastiera di Fedele Fenaroli e Domenico Cimarosa, Velletri, PM edizioni, 2015, p. 126.
  2. ^ Il preciso ammontare delle Sonate di Domenico Cimarosa è stato a lungo oggetto di dubbi e incertezze. [...] Ad avviso di chi scrive, il calcolo compiuto da Andrea Coen è altamente attendibile» In Fabio Dell'Aversana, cit., p. 126.
  3. ^ «L'interprete ... si troverà in presenza di un testo asciutto ed essenziale qualora decidesse di consultare l'opera di Andrea Coen, artefice di un lavoro che pur essendo assai rispettoso e fedele del testo non assume mai i contorni di una riproduzione sterile ed anonima: l'aver riportato alla originaria luce le Sonate di Domenico Cimarosa è, infatti, ad avviso di chi scrive, un elemento di grande merito, sia dal punto esecutivo che musicologico».In Fabio Dell'Aversana, cit., p. 127.
  4. ^ "[...] El clavecinista y fortepianista Andrea Coen, gran estudioso de la obra para tecla de Cimarosa, [...]aporta una valiosa perspectiva de las sonatas. La elección del fortapiano en lugar del clave confiere una intimista sonoridad, confirmada por la pausada lectura, de gran respiración de l'intérprete. La articulación del frasero es realmente nítida y mui bien trazada, asi como los planos, que son acertadamente diferenziados por la dinámica del intérprete, que siempre muestra gran naduralidad en los pasajes rápidos y comunicatividad expresiva [...]" P.Q.L.O., Scherzo, 1997
  5. ^ "Le sonate per fortepiano di Cimarosa riflettono direttamente la sua attività di operista. Andrea Coen[...] le esegue su un fortepiano viennese del 1790, imprimendo una grande flessibilità nei tempi, variando con cura le sonorità e differenziando i caratteri, spigliati o malinconici, arguti o dolenti. Come in un melodramma". G.Mattietti, Diario della settimana , 22-28 gennaio 1997
  6. ^ "Le quarantaquattro Sonate [cimarosiane] contenute in questo disco provengono da un manoscritto del 1830 [...] L'interprete ci fornisce una lettura davvero 'galante' del testo, con tocco chiaro e preciso e un fraseggio assai raffinato. La conduzione del tempo rubato è concepita all'interno di un tactus che abbraccia l'intera misura ed è quindi davvero consequenziale alle prescrizioni dei trattati antichi. [...]". E.Corbi, CD Classica , aprile 1997
  7. ^ "Relegata in una zona d'ombra del catalogo di Domenico Cimarosa, la cospicua produzione per strumenti "da tasto" del compositore aversano è oggi restituita all'ascolto da una nuova registrazione integrale. [...] la brillante interpretazione di Andrea Coen fuga ogni rischio di routine diversificando l'articolazione, alternando con proprietà legato e staccato, realizzando con precisione gli abbellimenti e scegliendo un eccellente fortepiano viennese di fine Settecento, dotato di registri opportunamente utilizzati [...]". P. da Col, il Giornale della Musica, aprile 1997
  8. ^ [...] "Ma l'iniziativa discografica più rilevante degli ultimi tempi è della Stradivarius che affida ad Andrea Coen la registrazione delle 88 Sonate [cimarosiane] per fortepiano [...] , colonna dorsale di un lascito sinfonico e cameristico ancora generoso di scoperte [...] ". S.Cappelletto, La Stampa , 4 aprile 1999
  9. ^ [...] "L'intérpretation d'Andrea Coen n'est pas celle d'un musicologue au cœur sec. Il restitue particuliérment bien le caractère fantasque de cette musique [Sonate per fortepiano di Cimarosa] ". J.Bonnaure, Répertoire , décembre 1999
  10. ^ [...] "L'interpretazione di Andrea Coen, curatore della prima edizione critica della raccolta [Sonate per fortepiano di Cimarosa], è perfetta ". N.S., Amadeus , dicembre 1999
  11. ^ [...] "Per interpretare questi brani [le Sonate per fortepiano di Cimarosa] è perciò necessario non solo leggere le note scritte ma ricreare un sipario, un fondale in cui far vivere queste idee che sono colore, umore, commedia, concepite come arie d'opera seria o intermezzo comico. È quanto ci restituisce Andrea Coen che, con grande sensibilità e raffinatezza di fraseggio, dipinge magistralmente questo rarefatto e affascinante mondo sonoro.". Hortus Musicus , n°1, gennaio-marzo 2000
  12. ^ [...] "Andrea Coen si diverte ad esasperare le follie del violinista, innervosendolo col timbro ipnotico del clavicembalo e con irrefrenabili fioriture [...] Coen fa da cerimoniere, accompagnando con ebbro rigore. Francesca Del Bravo, CD Classica , marzo 1998
  13. ^ [...] "Du côté de ce dernier, ce n'est que ravissement: avec un toucher léger mais dynamique, un phrasé d'une extrême précision (un luxe de détails qui nous fait ici ou lá perdre le fil conducteur de movement), Andrea Coen éclaire ces sonates [M.Clementi, per flauto e fortepiano] d'un optimisme chaleureux. Lorsque par aventure des trémolos de main gauche obscurcissent momentanément le discours, c'est pour laisser apparaître aussitôt un ciel plus radieux que jamais. Voilá un excellent disque pour découvrir Muzio Clementi [...] ". S.Gregory, Répertoire , octobre 2000
  14. ^ Andrea Coen, uno degli interpreti più sensibili e attenti nel rievocare messaggi musicali che il tempo sembra aver sopito, ha ora portato a termine l’impresa non poco ardua di fissare in disco – un cofanetto di tre CD della Brilliant - tutte le dodici Sonate < da Cimbalo di piano e forte> di Lodovico Giustini La Gazzetta di Parma, 21 giugno 2010
  15. ^ One find is Lodovico Giustini da Pistoia’s 12 sonatas for pianoforte (the predecessor of the modern grand) exquisitely played and recorded by Andrea Coen on a three-CD set from the often reliable, cut-rate Dutch label Brilliant Classics. The booklet notes describe these as “the mother of all piano sonatas,” and I would have to agree. Allen J. Schaben, Los Angeles Times, 07 settembre 2010
  16. ^ [...] il solista ha saputo unire anche quella misurata sensibilita` capace di cogliere puntualmente i diversi caratteri dei brani e tradurre con scavo adeguato talune febbrili invenzioni , nelle quali si è potuto ammirare la misurata flessibilita` del fraseggio e la gamma non comune di sfumature dinamiche. Claudio Bolzan, Musica (n. 278, luglio-agosto 2016)
  17. ^ Journal of 18th e 19th cent. Instrumental Music

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Fabio Dell'Aversana, Le composizioni per strumenti a tastiera di Fedele Fenaroli e Domenico Cimarosa, Velletri, PM edizioni, 2015
Controllo di autoritàISNI (EN0000 0000 6147 3566 · SBN IT\ICCU\LO1V\143481 · LCCN (ENno92003629 · WorldCat Identities (ENno92-003629