Andrea Cesalpino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Ritratto di Andrea Cesalpino

Andrea Cesalpino o Cisalpino, latinizzato in Andreas Cæsalpinus (Arezzo, 1524 o 1525Roma, 23 febbraio 1603) è stato un botanico, medico e anatomista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Casa natale
Targa commemorativa

Nato ad Arezzo, o più probabilmente nel contado aretino, nel 1524 o 1525 – la data di nascita è così collocata dal Dizionario biografico degli italiani –,[1][2] ma si noterà che secondo Baldassarri e Martin, la data di nascita va probabilmente ristretta all'autunno 1524[3]. Cesalpino svolse i suoi studi all'Università di Pisa con i maestri Realdo Colombo e Luca Ghini, laureandosi nel 1551. A Pisa, nel 1555 succedette a Ghini nella direzione dell'Orto Botanico e come lettore di materia medica, mentre dal 1569 al 1592 coprì la cattedra di medicina. Nel 1563 fabbrica un erbario, tutt'oggi conservato presso l'Università di Firenze, che dona all'Arcivescovo Alfonso Tornabuoni. L'opera di botanica che lo ha reso famoso, il De plantis libri XVI è pubblicato, però, 20 anni dopo, nel 1583, quando Cesalpino ha già lasciato gli incarichi nell'orto. Vi è, tuttavia, una connessione importante tra l'erbario e la filosofia botanica di Cesalpino, perché il primo serve per mettere alla prova la classificazione delle piante che descrive nel De plantis, il cui impianto aristotelico è confermato sia dall'importanza dell'anima vegetativa, sia dall'impronta essenzialista.

Nel 1571, pubblica un testo di filosofia, le Quaestiones peripateticae libri V, che verrà ripubblicato nel 1593 assieme alle Quaestionum medicarum libri II. In ambito medico, si occupa di anatomia e fisiologia. Allievo di Colombo, darà seguito all'indagine di quest'ultimo sulla piccola circolazione, confermando l'inesistenza dei pori intraventricolari. Questo è un passaggio decisivo nel lungo percorso che porterà, nel 1628, William Harvey a dimostrare la teoria della circolazione sanguigna. Merito di Cesalpino è di aver definito – con la testimonianza del reperto anatomico – che il cuore (e non il fegato) è il centro del movimento del sangue e il punto di partenza delle arterie e delle vene.

In seguito a diversi dissidi interni all'Università di Pisa, nel 1592, Cesalpino si trasferisce a Roma, dove diventerà medico di papa Clemente VIII e dove insegnerà medicina allo Studio romano. L'anno dopo diede una prova a favore della "circolazione" dimostrando che le vene legate in qualsiasi parte del corpo si tumefanno "sotto il laccio, cioè dalla periferia al centro", e che quando aperte, come nel salasso, lasciano fuoriuscire dapprima sangue scuro venoso e poi sangue rosso arterioso. Era la prova concreta che esiste una corrente centripeta opposta rispetto a quello che, tramite l'aorta e i suoi rami, porta il sangue dal cuore alla periferia: nel sistema vasale esistevano quindi due correnti opposte. Nel 1596, pubblica un testo di metallurgia, in cui applica il suo metodo di classificazione botanica ai minerali e alle pietre - giunge a questo interesse lavorando alla Methalloteca vaticana. Nel 1601-1602, pubblica i primi libri dell'Ars medica, che verrà completata solo postumamente.

Il suo lavoro più importante rimane quello in ambito botanici, perché sviluppò un nuovo sistema di classificazione delle piante che verrà seguito per tutto il XVII secolo. Tutt'oggi, Andrea Cesalpino è considerato uno dei primi grandi sistematici in quanto non solo descrisse e classificò 1500 specie (De Plantis Libri XVI) ma fu il primo a suggerire una relazione tra struttura e funzione dei caratteri morfologici usati nella classificazione.

Morì a Roma nel 1603, verosimilmente nel marzo, anche se alcune fonti riportano erroneamente il 23 febbraio.

Negli ultimi anni della sua vita venne accusato da Taurellus di panpsichismo, e verrà in seguito accostato a Spinoza, ma tutta la sua opera si è svolta nell'ortodossia religiosa.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Tra le sue opere più celebri:

  • Quaestiones peripateticae, Firenze, 1571
  • Daemonum investigatio, 1580 in cui combatte la magia e la stregoneria;
  • De plantis libri XVI, Firenze, 1583, composto da sedici volumi[4][5];
  • Quaestionum medicarum (1593)
  • De Metallicis libri III, Roma, 1596[6]
  • Ars medica, Roma, 1601.

Altre immagini[modifica | modifica wikitesto]

Cesalpino è l'abbreviazione standard utilizzata per le piante descritte da Andrea Cesalpino.
Consulta l'elenco delle piante assegnate a questo autore dall'IPNI.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Andrea Cesalpino su Enciclopedia Treccani
  2. ^ Biografia di Andrea Cesalpino
  3. ^ (EN) Fabrizio Baldassarri, Craig Martin, Andrea Cesalpino and Renaissance Aristotelianism, su Bloomsbury. URL consultato il 24 novembre 2023.
  4. ^ Andrea (1524-1603) Auteur du texte Cesalpino, De plantis libri XVI Andreae Caesalpini... ([Reprod.]), 1583. URL consultato il 28 gennaio 2021.
  5. ^ (EN) Fabrizio Baldassarri, Cesalpino's (Aristotelian) Philosophy of Plants: A Science of Botany in the Renaissance, su Bloomsbury. URL consultato il 24 novembre 2023.
  6. ^ (LA) Andreas Caesalpinus, De metallicis libri tres, Recusi, curante Conrado Agricola, 1602. URL consultato il 28 gennaio 2021.


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Direttore dell'Orto Botanico di Pisa Successore
Luca Ghini 1554 - 1559 Lorenzo Mazzanga
Controllo di autoritàVIAF (EN100163674 · ISNI (EN0000 0001 1880 1349 · SBN RMLV024313 · BAV 495/3230 · CERL cnp01261900 · LCCN (ENn85801849 · GND (DE117668257 · BNF (FRcb10429704r (data) · J9U (ENHE987007278632405171 · WorldCat Identities (ENlccn-n85801849