Anatolij Djatlov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Anatolij Stepanovič Djatlov (Atamanovo, 31 marzo 193113 dicembre 1995) è stato un ingegnere sovietico. Nominato vice-capo della Centrale nucleare di Černobyl', fu il principale supervisore dei lavori condotti presso la stessa centrale, nonché uno dei responsabili del disastro avvenuto il 26 aprile 1986.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Djatlov nacque nel 1931 a Atamanovo, villaggio ad 80 Km a nord-est di Krasnojarsk, in Russia (ai tempi Unione Sovietica). Nel 1959, si laureò ingegnere presso l'Istituto d'Ingegneria Fisica di Mosca. Dopo la laurea, lavorò presso un impianto di costruzione navale, a Komsomol'sk-na-Amure, come installatore di reattori in sottomarini. Nel 1973, si trasferisce nella neonata cittadina di Pryp"jat', in Ucraina, per lavorare alla costruzione della nuova Centrale nucleare di Černobyl'.

Černobyl'[modifica | modifica wikitesto]

Il 26 aprile 1986, Djatlov supervisionò e comandò un test del reattore 4 della centrale, che portò al peggior incidente nella storia verificatosi in una centrale nucleare. Nel 1987, venne processato e giudicato colpevole "per cattiva gestione su imprese potenzialmente esplosive"; venne condannato a dieci anni di carcere, ma la sua pena venne ridotta a cinque anni. Djatlov scrisse un libro in cui sosteneva che la povera progettazione impiantistica, anziché il personale della centrale, fu il principale responsabile dell'incidente.

Durante l'incidente, Djatlov assorbì una dose di radiazione pari a 390 rem (3,9 Sv). Morì per insufficienza cardiaca nel 1995.

Nei media[modifica | modifica wikitesto]

È stato interpretato da Roger Alborough nel film della BBC Surviving Disaster : Chernobyl Nuclear Disaster e da Paul Ritter nel 2019 HBO nella miniserie televisiva Chernobyl.