Anastasio il Sinaita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sant'Anastasio il Sinaita

Sacerdote

 
Nascita...
MorteVII secolo
Venerato daChiesa cattolica, Chiesa cristiana ortodossa
Ricorrenza21 aprile

Anastasio detto il Sinaita (... – VII secolo) è stato un sacerdote ed egumeno, polemista ed esegeta.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Le notizie sulla vita di Anastasio sono scarse: è documentato ad Alessandria prima del 640 e poi ancora tra il 678 e il 689, durante il patriarcato del monofisita Giovanni III. Era ancora vivo trent'anni dopo il III concilio di Costantinopoli.[1]

Si ritirò prima a Gerusalemme, poi sul monte Sinai, dove visse fino alla morte guidando una comunità di anacoreti.[2]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Polemista ed esegeta, fu autore di numerose opere contro il nestorianesimo, il monofisismo e il monotelismo.[1]

Il suo scritto più noto è La guida[3] (‛Οδηγός, Viae dux adversus acephalos), in 24 capitoli, redatto nel deserto attorno al 685 contro il monofisismo: il testo è ricco di citazioni patristiche; Anastasio vi cita suoi lavori precedenti, di cui si conoscono solo i titoli (Syntagma contro Nestorio, Tomo apologetico rivolto al popolo, Tomo dommatico, Syntagma contro i giudei).

In Domande e risposte[4] (Ερωτήσεις καὶ ἀποκρίσεις) fornisce risposte a 154 quesiti basandosi sui testi biblici e patristici: anche se il nucleo centrale dell'opera è da attribuirsi ad Anastasio, la forma in cui è pervenuta non gli appartiene.

La sua più importante opera esegetica è il Commento all'Esamerone, in 12 libri, che fornisce un'interpretazione allegorica della Genesi.

Pochi dei suoi sermoni sono stati pubblicati: Sul salmo VI (di cui esistono versioni in siriaco e arabo), Intorno alla Messa e alla Comunione, Sui defunti, Per il venerdì santo.

Nel 1868 Jean-Baptiste-François Pitra ha pubblicato due opuscoli ritenuti autentici: Capitulum in quo brevis sermo est de haeresibus quae ab initio fuerunt, et de Synodis adversus eos habitis e Concisa et perspicua fidei nostrae notitia.[5]

Angelo Mai gli attribuì, erroneamente, anche la Disputatio adversus Judaeos.[6]

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Il nome di sant'Anastasio è menzionato al 20 aprile nel Menologio dell'imperatore Basilio e l'elogio passò al Synaxarium ecclesiae Constantinopolitanum al 21 aprile.[2]

Nel martirologio romano, il suo elogio si legge al 21 aprile.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Mario Salsano, BSS, vol. I (1961), col. 1060.
  2. ^ a b Mario Salsano, BSS, vol. I (1961), col. 1059.
  3. ^ Jacques-Paul Migne, Patrologia Graeca, vol. LXXXIX, coll. 35-310.
  4. ^ Jacques-Paul Migne, Patrologia Graeca, vol. LXXXIX, coll. 311-834.
  5. ^ Jean-Baptiste-François Pitra (cur.), Iuris ecclesiastici Graecorum historia et monumenta, Roma 1868, pp. 257-274.
  6. ^ Jacques-Paul Migne, Patrologia Graeca, vol. LXXXIX, coll. 1203-1272.
  7. ^ Martirologio romano (2004), p. 343.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Filippo Caraffa e Giuseppe Morelli (curr.), Bibliotheca Sanctorum (BSS), 12 voll., Istituto Giovanni XXIII nella Pontificia Università Lateranense, Roma 1961-1969.
  • Il martirologio romano. Riformato a norma dei decreti del Concilio ecumenico Vaticano II e promulgato da papa Giovanni Paolo II, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2004.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN13689964 · ISNI (EN0000 0001 1838 7053 · LCCN (ENn83164822 · GND (DE10093630X · BNF (FRcb118887277 (data) · BAV ADV11229628 · CERL cnp01230516 · WorldCat Identities (ENn83-164822