Amy Coney Barrett

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Amy Coney Barrett
Amy Coney Barrett.jpg

Giudice associato della Corte suprema degli Stati Uniti d'America
In carica
Inizio mandato 26 ottobre 2020
Predecessore Ruth Bader Ginsburg
Tipo nomina Nomina presidenziale di Donald Trump

Giudice della Corte d'Appello degli Stati Uniti per il 7º Circuito
Durata mandato 2 novembre 2017 –
26 ottobre 2020
Predecessore John Daniel Tinder
Tipo nomina Nomina presidenziale di Donald Trump

Dati generali
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Università University of Notre Dame
Professione Avvocato; Giurista

Amy Vivian Coney, sposata Barrett (New Orleans, 28 gennaio 1972), è un avvocato e giurista statunitense, dal 27 ottobre 2020 giudice associato della Corte suprema degli Stati Uniti d'America.

La filosofia giudiziaria di Barrett è quella del suo ex capo e mentore, Antonin Scalia,[1] che assorbe i principi della "dottrina originalista": la Costituzione non va interpretata ma applicata alla lettera.

Già professore di Legge alla Notre Dame Law School,[2][3][4][5] il 26 settembre 2020 il Presidente Donald Trump l'ha proposta come giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti d'America per sostituire Ruth Bader Ginsburg.[6][7][8] Il 26 ottobre 2020, il Senato ha votato 52-48 per confermare la sua nomina:[9] lo stesso giorno Coney Barrett ha prestato giuramento alla Casa Bianca davanti al giudice Clarence Thomas; il giorno seguente presso la sede della Corte suprema degli Stati Uniti d'America il Presidente della Corte John G. Roberts le impartisce il giuramento ufficiale entrando così in carica[10].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il giudice Barrett con il marito, Jesse

Barrett è nata e cresciuta a New Orleans, in Louisiana.[2][11] È la maggiore di sette figli, con cinque sorelle e un fratello. Suo padre, Michael Coney, lavorava come avvocato per la Shell Oil Company; sua madre era insegnante di francese. Il nonno materno, Bobby Vath, ha combattuto in marina nella seconda guerra mondiale, scrivendo quasi 700 lettere alla nonna materna di Barrett, Jeanne Daste. Una selezione di quelle lettere è stata pubblicata in un libro di memorie, The Sea Bag: Hurricane Katrina and a Love Revealed.

Cresciuta in un sobborgo di New Orleans, Metairie, nel 1990 Barrett si è diplomata alla St. Mary's Dominican High School,[12] quindi si è laureata con il massimo dei voti in letteratura inglese al Rhodes College.[13] Ha poi frequentato la Notre Dame Law School come Kiley Fellow (una borsa di studio completa) e ottenendo, per essere stata la prima nella sua classe, il Premio Hoynes, la più alta onorificenza della facoltà di giurisprudenza.

Dopo la laurea, Barrett ha lavorato come assistente legale del giudice Laurence Silberman della Corte d'Appello degli Stati Uniti per il Distretto di Columbia.[14] Ha poi trascorso un anno come impiegato presso il giudice associato Antonin Scalia della Corte Suprema degli Stati Uniti.[14] In entrambi i tirocini, era l'unica donna assistente legale.

Dal 1999 al 2002 ha esercitato la professione forense presso Miller, Cassidy, Larroca & Lewin a Washington.[15]

Barrett ha lavorato come professore associato in visita presso la George Washington University Law School per un anno prima di tornare nel 2002 alla Notre Dame Law School.[16] Qui ha insegnato diritto costituzionale e interpretazione statutaria. Barrett è stata nominata professore di diritto nel 2010 e dal 2014 al 2017 ha ricoperto la cattedra di diritto di Diane e MO Miller Research. Il suo lavoro si concentra sul diritto costituzionale, l'originalismo, l'interpretazione statutaria e lo stare decisis. Le sue tesi accademiche sono state pubblicate su riviste come Columbia , Cornell , Virginia , Notre Dame e Texas Law Reviews.[16]

A Notre Dame, Barrett ha ricevuto tre volte il premio "Distinguished Professor of the Year".[16] Barrett ha continuato a insegnare pur essendo giudice in carica.[17]

Servizio giudiziario federale[modifica | modifica wikitesto]

Barrett ha prestato giuramento come giudice del Settimo Distretto davanti al giudice Laurence Silberman, per il quale aveva lavorato dopo essersi laureata

Ha prestato giuramento per la sua nomina come giudice del Settimo Distretto davanti al giudice Laurence Silberman, per il quale la Barrett ha lavorato per la prima volta dopo l'università. L'8 maggio 2017, il presidente Donald Trump l'ha nominata alla Corte d'appello degli Stati Uniti per il Settimo Distretto dopo che il giudice John Daniel Tinder si è dimesso. Il 6 settembre 2017 si è riunita la Commissione Giustizia del Senato per la sua nomina.[18] Durante l'udienza, il senatore Dianne Feinstein ha interrogato la Barrett in merito ad un articolo, scritto in una rivista giuridica insieme con il professor John H. Garvey e pubblicato nel 1988, in cui ha sostenuto che i giudici cattolici dovrebbero in alcuni casi ritirarsi dai casi di pena di morte a causa delle loro obiezioni morali alla pena di morte. L'articolo concludeva che il giudice del processo avrebbe dovuto fare un passo indietro.[19]

Alla domanda di "approfondire le dichiarazioni e discutere come lei vede la questione della fede rispetto all'adempimento della responsabilità come giudice oggi", Barrett ha risposto di aver partecipato a molti appelli contro la pena di morte mentre prestava servizio come assistente legale di Scalia, aggiungendo: "La mia appartenenza alla chiesa o la mia fede religiosa non inciderebbero sull'adempimento dei miei doveri di giudice".[20][21] Aggiungendo anche che "non è mai appropriato che un giudice imponga le convinzioni personali sulla legge, sia che derivino dalla fede o da qualsiasi altra cosa".[22] Preoccupata che la Barrett non avrebbe sostenuto "Roe v. Wade" date le sue convinzioni cattoliche, Dianne Feinstein ha commentato così alla risposta della Barrett: "Il dogma vive ad alta voce dentro di te, e questa è una preoccupazione".[23][24][25]

L'udienza ha reso Barrett popolare tra i conservatori religiosi. L'interrogatorio di Feinstein e di altri senatori è stato criticato da alcuni repubblicani e da altri osservatori, come i presidenti universitari John I. Jenkins e Christopher Eisgruber, in quanto inchiesta impropria sul credo religioso di un candidato che ha impiegato un "test religioso" incostituzionale per l'ufficio.[22][26] Lambda Legal, un'organizzazione per i diritti civili LGBT, ha firmato una lettera con altre 26 organizzazioni per i diritti dei gay che si oppongono alla nomina di Barrett. La lettera esprimeva dubbi sulla sua capacità di separare la fede dalle sue decisioni in materia di LGBT. Durante la sua audizione al Senato, Barrett fu interrogata sui precedenti legali LGBTQ storici come Obergefell v. Hodges, Stati Uniti v. Windsor e Lawrence v. Texas. Ha detto che questi casi sono "precedenti vincolanti" che intendeva "seguire fedelmente se confermati" alla Corte d'appello, come richiesto dalla legge.

La lettera firmata da Lambda Legal diceva: "Il semplice fatto di ripetere che sarebbe stata vincolata da un precedente della Corte Suprema non chiarisce - anzi, offusca - il modo in cui il professor Barrett interpreterà e applicherebbe il precedente di fronte al tipo di dilemmi che, a suo avviso, "mise in difficoltà i giudici cattolici". Carrie Severino del Judicial Crisis Network disse in seguito che gli avvertimenti dei gruppi di difesa LGBT sui candidati selezionati per sostituire il giudice Anthony Kennedy, incluso la Barrett, erano "molto esagerati". e le ha chiamate "tattiche per lo più spaventose". La nomina della Barrett è stata sostenuta da una lettera che 450 suoi ex alunni hanno firmato e inviato alla commissione giudiziaria del Senato a sostegno della sua nomina.

Il 5 ottobre 2017, la commissione giudiziaria del Senato ha votato 11-9 a favore della Barrett. Il 3i ottobre, il Senato l'ha con un voto di 55-43, con tre democratici - Joe Donnelly, Tim Kaine e Joe Manchin - che hanno votato per lei. Barrett è la prima e finora l'unica donna ad occupare un posto nell'Indiana sul Settimo Distretto.

Giudice della Corte Suprema[modifica | modifica wikitesto]

Barrett e la sua famiglia con il presidente Donald Trump e la First Lady Melania Trump il 26 settembre 2020

Barrett è stata nell'elenco di Trump dei potenziali candidati alla Corte Suprema dal 2017, quasi immediatamente dopo la conferma della sua nomina alla Corte d'appello. Nel luglio 2018, dopo l'annuncio del ritiro di Anthony Kennedy, sarebbe stata una dei tre finalisti presi in considerazione da Trump, insieme a Kavanaugh e al giudice Raymond Kethledge. Secondo quanto riferito, anche se a Trump piaceva la Barrett, era preoccupato per la sua mancanza di esperienza.

Dopo la scomparsa il 18 settembre 2020 di Ruth Bader Ginsburg, esponente democratica, Trump ha nominato la Coney Barrett il 26 settembre 2020 alla Corte Suprema degli Stati Uniti[6] nonostante l'opposizione dei Democratici, contrari alla conferma prima delle elezioni presidenziali 2020. La votazione finale si svolge al Senato il 26 ottobre 2020: confermata con una maggioranza di 52 contro 48, votano a favore tutti i senatori repubblicani, ad eccezione di Susan Collins, mentre tutti i 47 democratici votano contro[27].

I giudici conservatori della Corte Suprema diventano così 6 su 9[28]. Uno spostamento così forte a favore dei repubblicani che non esisteva dagli anni Trenta.[29] Coney Barrett ha giurato alla Casa Bianca davanti al giudice Clarence Thomas e al presidente Trump.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Barrett è sposata con Jesse M. Barrett, partner di SouthBank Legal a South Bend, Indiana, ed ex vice procuratore federale per il distretto settentrionale dell'Indiana.[30][31] Vivono a South Bend e hanno sette figli: cinque figli biologici e due bambini adottati ad Haiti.

Cattolica romana praticante, nel settembre 2017 il The New York Times ha riferito che Barrett era membro attivo di un piccolo gruppo chiamato People of Praise, facente parte del Movimento carismatico.[32][33][34]

Durante l'estate 2020 è risultata positiva al test del COVID-19 e ricoverata.[35] Durante la seduta dinnanzi al Senato, la Barrett ha affermato che nella sua famiglia vive un chinchilla.[36]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Evan Bernick, Judge Amy Coney Barrett on Statutory Interpretation: Textualism, Precedent, Judicial Restraint, and the Future of Chevron, su Yale Journal on Regulation. URL consultato il 19 agosto 2020.
  2. ^ a b (EN) Barrett, Amy Coney, in History of the Federal Judiciary, Federal Judicial Center. URL consultato il 7 luglio 2018 (archiviato il 7 luglio 2018).
  3. ^ (EN) Richard Wolf, Notre Dame's Amy Coney Barrett likely a front-runner for Supreme Court vacancy, in South Bend Tribune, 19 settembre 2020. URL consultato il 19 settembre 2020 (archiviato dall'url originale il 26 settembre 2020).
  4. ^ (EN) Alice B. Lloyd, Former Law Students Praise Amy Coney Barrett, in The Weekly Standard, 6 luglio 2018. URL consultato il 9 luglio 2018 (archiviato il 9 luglio 2018).
  5. ^ (EN) Abigail Simon, These Are Trump's Candidates for the Supreme Court, in Time, 3 luglio 2018. URL consultato il 9 luglio 2018 (archiviato il 6 luglio 2018).
    «Coney Barrett has written extensively about Constitutional originalism, a legal tradition that advocates for an interpretation of the Constitution based on the meaning it would have had at the time it was written.».
  6. ^ a b (EN) Zeke Miller, Lisa Mascaro e Mary Clare Jalonick, Trump picks conservative Amy Coney Barrett for Supreme Court, su apnews.com, 26 settembre 2020. URL consultato il 26 settembre 2020 (archiviato il 26 settembre 2020).
  7. ^ (EN) President Donald J. Trump's Supreme Court List, su The White House. URL consultato il 19 agosto 2020.
  8. ^ (EN) Richard Wolf, Notre Dame's Amy Coney Barrett likely a front-runner for Supreme Court vacancy, in South Bend Tribune, 19 settembre 2020. URL consultato il 19 settembre 2020.
  9. ^ (EN) Veronica Rocha, Live updates: Amy Coney Barrett Senate confirmation vote, su CNN, 26 ottobre 2020. URL consultato il 27 ottobre 2020.
  10. ^ https://www.supremecourt.gov/publicinfo/press/oath/oath_barrett.aspx/
  11. ^ (EN) JFK, Amy Coney Barrett and Anti-Catholicism, in National Catholic Register, 17 settembre 2017. URL consultato il 7 ottobre 2017 (archiviato il 7 ottobre 2017).
  12. ^ (EN) Bryn Stole, Amy Coney Barrett: Mother of 7, Metairie native, solid conservative... next Supreme Court justice?, in The Times-Picayune/The New Orleans Advocate, 6 luglio 2018. URL consultato il 22 settembre 2020 (archiviato il 26 settembre 2020).
  13. ^ (EN) Potential nominee profile: Amy Coney Barrett, su SCOTUSblog, 4 luglio 2018. URL consultato il 7 luglio 2018 (archiviato il 6 luglio 2018).
  14. ^ a b (EN) Nominee Report (PDF), in Alliance for Justice. URL consultato il 9 luglio 2018 (archiviato il 19 luglio 2018).
  15. ^ (EN) Thomas B. Carr, Letters to the Editor: 'Now-Defunct' Miller, Cassidy, in National Law Journal, 26 luglio 2004. URL consultato il =29 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 30 settembre 2017).
  16. ^ a b c (EN) Hon. Amy Coney Barrett, in University of Notre Dame. URL consultato il 19 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2019).
  17. ^ (EN) By Christian Sheckler, What Amy Coney Barrett's former Notre Dame colleagues say about her, in The Indianapolis Star, 24 settembre 2020. URL consultato il 27 settembre 2020.
  18. ^ (EN) Rescheduled Notice of Committee Hearing, in Senate Judiciary Committee, 4 agosto 2017. URL consultato il 7 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2017).
  19. ^ (EN) Amy Barrett e John Garvey, Catholic Judges in Capital Cases, in Journal Articles, 1º gennaio 1998.
  20. ^ (EN) Eliana Johnson, How Amy Coney Barrett vaulted onto Trump's Supreme Court shortlist, in Politico. URL consultato il 3 luglio 2018 (archiviato il 23 settembre 2020).
  21. ^ (EN) Judicial and Justice Department Pending Nominations, su C-SPAN. URL consultato il 13 settembre 2020 (archiviato il 22 settembre 2020).
  22. ^ a b (EN) Josh Gerstein, Senators take fire over questions for Catholic judicial nominee, su Politico, 11 settembre 2017. URL consultato il 30 giugno 2018 (archiviato il 29 giugno 2018).
  23. ^ (EN) Emma Green, Should a Judge's Nomination Be Derailed by Her Faith?, in The Atlantic, 8 settembre 2017. URL consultato il 1º luglio 2018 (archiviato il 30 giugno 2018).
  24. ^ (EN) Laurie Goodstein, Some Worry About Judicial Nominee's Ties to a Religious Group, in The New York Times, 28 settembre 2017. URL consultato il 4 luglio 2018 (archiviato il 28 settembre 2017).
  25. ^ (EN) Feinstein: 'The dogma lives loudly within you, and that is a concern', in The Washington Post, 7 settembre 2017. URL consultato il 30 giugno 2018 (archiviato il 27 giugno 2018).
  26. ^ (EN) Christopher L. Eisgruber, Letter from President Eisgruber to the Senate Committee on the Judiciary Regarding the Use of Religious Tests, su Princeton University: Office of the President, 8 settembre 2017. URL consultato il 7 ottobre 2017 (archiviato il 7 ottobre 2017).
  27. ^ (EN) Amy Coney Barrett confirmed Supreme Court, Susan Collins lone republican oppose, su newsweek.com.
  28. ^ Stati Uniti: Amy Coney Barrett alla corte di Trump, in ISPI. URL consultato l'11 novembre 2020.
  29. ^ Amy Barrett confermata alla Corte Suprema, su ilpost.it, 27 ottobre 2020. URL consultato il 27 ottobre 2020.
  30. ^ (EN) Class Notes: Class of 1996, in Notre Dame Magazine, inverno 2012–2013. URL consultato l'8 maggio 2017 (archiviato il 29 marzo 2013).
  31. ^ (EN) SouthBank Legal, su southbank.legal. URL consultato l'8 agosto 2020.
  32. ^ (EN) Laurie Goodstein, Some Worry About Judicial Nominee's Ties to a Religious Group, in The New York Times, 28 settembre 2017. URL consultato il 19 settembre 2020.
  33. ^ (EN) Jeff Parrott, Supreme Court opening shines spotlight on local religious group People of Praise, in South Bend Tribune, 15 luglio 2018.
  34. ^ (EN) Adam Thorp, 6 things to know about 'People of Praise' and Judge Amy Coney Barrett, su chicago.suntimes.com, 5 luglio 2018.
  35. ^ (EN) Seung Min Kim, Josh Dawsey, Robert Barnes, Supreme Court nominee tested positive for coronavirus this summer, has recovered from the illness., in The Washington Post, 2 ottobre 2020.
  36. ^ (EN) After 30 hours of hearings, Barrett remains a blank slate, in Yahoo News, 15 ottobre 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN32158855816844142102 · LCCN (ENno2020054095 · GND (DE121839675X · WorldCat Identities (ENlccn-no2020054095