Alpheus heterochaelis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Gambero pistola
Alpheus heterochaelis.jpg
Alpheus heterochaelis
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Arthropoda
Subphylum Crustacea
Classe Malacostraca
Sottoclasse Eumalacostraca
Superordine Eucarida
Ordine Decapoda
Sottordine Pleocyemata
Infraordine Caridea
Superfamiglia Alpheoidea
Famiglia Alpheidae
Genere Alpheus
Specie A. heterochaelis
Nomenclatura binomiale
Alpheus heterochaelis
Say, 1818

Il gambero pistola (Alpheus heterochaelis Say, 1818) è un crostaceo che fa parte della famiglia Alpheidae, che vive in quasi tutte le acque, dal Mediterraneo ai tropici.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il gambero pistola ha una caratteristica particolare: una delle sue chele, indifferentemente la destra o la sinistra, è molto più grande dell'altra (eterochelia). Gli Alpheus heterochaelis hanno la capacità di rigenerare la chela qualora questa dovesse danneggiarsi. In questo caso la chela più piccola cresce fino a diventare una nuova chela schioccante.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Attraverso la chela modificata il gambero pistola riesce a produrre delle onde d'urto simili a proiettili con cui stordisce le prede.
Il rumore prodotto può superare i 200 dB e può essere sentito anche sott'acqua. Chiudendo velocemente la chela più grande si crea un getto d'acqua ad alta velocità in cui si forma una bolla di vapore caldo che dà origine al fenomeno della cavitazione.[2] Per cacciare il crostaceo si nasconde in una cavità buia o in una tana per sparare contro la preda che si trova nei paraggi. La pressione della bolla è in grado di stordire un granchio e di uccidere piccoli pesci. Infine il gambero porta la sua preda catturata nella sua tana per cibarsene.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) De Grave, Sammy, Alpheus heterochaelis, in WoRMS (World Register of Marine Species).
  2. ^ Versluis M, Schmitz B, von der Heydt A, Lohse D, How snapping shrimp snap: through cavitating bubbles, in Science 2000; 289(5487): 2114-7.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi