Alix Le Clerc

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Beata Maria Teresa di Gesù Le Clerc
La beata Maria Teresa di Gesù Le Clerc
La beata Maria Teresa di Gesù Le Clerc

Fondatrice

Nascita Remiremont, 1576
Morte Nancy, 1622
Venerato da Chiesa cattolica
Beatificazione papa Pio XII nel 1947
Ricorrenza 9 gennaio

Alix (Alessia) Le Clerc, in religione madre Maria Teresa di Gesù (Remiremont, 2 febbraio 1576Nancy, 9 gennaio 1622), è stata una religiosa francese, fondatrice delle Canonichesse di Sant'Agostino della Congregazione di Nostra Signora. È stata proclamata beata da papa Pio XII nel 1947.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Appartenente a un'agiata famiglia borghese della Lorena, condusse in giovinezza una vita mondana. Verso i vent'anni si stabilì a Hymont, dove conobbe in canonico Pietro Fourier, parroco di Mattaincourt, che divenne il suo direttore spirituale.

Emise il voto di castità e avviò un'opera per l'educazione delle fanciulle: nel giugno del 1596 aprì una scuola a Poussay e nella notte di Natale del 1597, insieme con quattro compagne, diede inizio a una nuova congregazione di religiose insegnanti. Le suore della congregazione aumentarono rapidamente di numero e poterono aprire scuole in tutta la Lorena e anche fuori (Verdun, Chalon).

La Santa Sede approvò l'istituto nel 1615; la prima professione ebbe luogo il 2 dicembre 1618.

Alix Le Clerc fu eletta superiora generale a vita, ma rinunciò alla carica prima di morire per spegnersi come semplice monaca presso la casa di Nancy.

Il culto[modifica | modifica wikitesto]

Il processo diocesano per la beatificazione di Alix Le Clerc fu aperto a Saint-Dié-des-Vosges il 3 dicembre 1885 e proseguì a Nancy. La causa di beatificazione fu introdotta il 21 febbraio 1899. Fu proclamata beata da papa Pio XII il 4 maggio 1947.

Il suo elogio si legge nel Martirologio Romano al 9 gennaio.

I suoi resti, scomparsi durante la rivoluzione francese, furono ritrovati nel 1950 e, riconosciuti autentici dalla Congregazione dei riti, furono traslati nella cappella del monastero di Nancy.

La sua immagine ci è giunta attraverso un ritratto postumo fatto realizzare dai duchi di Lorena; è ritratta anche in incisioni di Weyen, Van Lochom e Nicole e in una medaglia di Cornelis Galle.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paule Sagot, in Dizionario degli Istituti di Perfezione, vol. V (1978), coll. 559-560.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN9983516 · LCCN: (ENnb2006012802 · ISNI: (EN0000 0000 6134 8730 · GND: (DE130143332 · BNF: (FRcb130915184 (data) · BAV: ADV10906450 · CERL: cnp00657194