Alberto Chiancone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Alberto Chiancone (Porto Santo Stefano, 26 dicembre 1904Napoli, 11 dicembre 1988) è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Frequentò gli studi artistici presso il Regio istituto d'arte (oggi dedicato a "F.Palizzi") allievo di Lionello Balestrieri. Nello stesso istituto insegnò dal 1932, prima come professore incaricato e poi come titolare della cattedra di decorazione pittorica, dal 1942 al 1976. Nel 1928 fu tra i fondatori del gruppo degli "Ostinati"[1].

Espose sin dagli anni venti[2], partecipando a numerose rassegne d'arte in Italia: le Sindacali della Campania, (dal 1929 al 1942), le Biennali di Venezia (dal 1934 al 1948[3], con parete personale nelle edizioni del 1936 e del 1940); le Quadriennali di Roma (dalla prima all'ottava edizione)[4], e all'estero (Barcellona nel 1929 e a Parigi nel 1937), vince il premio Sanremo nel 1937 e partecipa al secondo premio Bergamo (1940), alla XVI mostra nazionale premio del Fiorino a Firenze (1965), alla biennale "Città di Milano" (1965), al premio Posillipo, a Napoli Arte 80 e all'Expo Arte di Bari.

Nel 1952 vinse il premio Michetti ex aequo con Pompeo Borra e nel 1965 vinse nella categoria disegno il premio KO-i-NOR.

Ha eseguito lavori decorativi alla Stazione Marittima (1939), alla Mostra d'Oltremare (1939-1940) e al Teatrino di Corte del Palazzo reale a Napoli (1951) .

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giorgio Di Genova, Storia dell'arte italiana del '900, Generazione primo decennio, Bora, 1996 [1986], p. 112, ISBN 88-85345-55-7.
  2. ^ Touring Editore, 2001
  3. ^ Sergio Zazzera 1999
  4. ^ Alberto Chiancone, su www.quadriennalediroma.org. URL consultato il 25 agosto 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN37800878 · ISNI (EN0000 0000 6152 5389 · SBN IT\ICCU\CFIV\066341 · LCCN (ENno2009068860 · GND (DE122469569 · BAV ADV12034249