Alan García Pérez

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alan García Pérez
Garciaalan09112006.jpg

Presidente della Repubblica del Perù
Durata mandato 28 luglio 2006 –
28 luglio 2011
Vice presidente Luis Giampietri Rojas
Lourdes Mendoza del Solar
Predecessore Alejandro Toledo
Successore Ollanta Humala

Durata mandato 28 luglio 1985 –
28 luglio 1990
Vice presidente Luis Alva Castro
Armando Villanueva
Luis Alberto Sánchez
Predecessore Fernando Belaúnde Terry
Successore Alberto Fujimori

Dati generali
Partito politico Partido Aprista Peruano
Firma Firma di Alan García Pérez

Alan Gabriel Ludwig García Pérez (Lima, 23 maggio 1949Lima, 17 aprile 2019) è stato un politico peruviano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Durante la sua carriera politica, è stato l'unico membro dell'Alleanza Popolare Rivoluzionaria Americana, ad aver mai raggiunto la massima carica dello stato.

A seguito della vittoria delle elezioni è divenuto Presidente della Repubblica del Perù dal 28 luglio 1985 al 28 luglio 1990.

Durante il suo mandato ha attuato una disastrosa politica macroeconomica, con un isolamento internazionale che ha portato l'inflazione al 7.650% nel 1990 e aumentando la percentuale di peruviani che vivevano sotto la soglia di povertà dal 42 al 55%.

Nel 1992, a seguito del colpo di stato di Alberto Fujimori, ha lasciato il paese ed ha vissuto in esilio in Colombia e Francia.

Ha corso nuovamente per la presidenza nel 2001, ma è stato sconfitto al ballottaggio da Alejandro Toledo.

È stato rieletto Presidente, dopo aver vinto il ballottaggio contro il candidato dell'Unione per il Perù Ollanta Humala, alle controverse[1] elezioni generali in Perù del 2006. Nonostante la sua reputazione fosse ancora pessima dopo la sua presidenza degli anni '80, molti peruviani hanno dichiarato di averlo scelto come "minore dei due mali" rispetto all'altro candidato, esplicitamente sostenuto da Hugo Chávez. Il secondo mandato è durato dal 28 luglio 2006 al 6 giugno 2011.

Nel 2006 ha presentato una proposta di legge per reintrodurre la pena di morte, proposta archiviata dal Parlamento peruviano l'anno successivo.[2]

È stato sotto inchiesta per il ruolo avuto nel periodo del terrorismo senderista, ma le leggi peruviane non hanno permesso il processo finché ha ricoperto la carica di Presidente della Repubblica.

Il 17 aprile 2019 si è suicidato all'età di 69 anni sparandosi un colpo di pistola alle tempie nella sua abitazione di Lima, dopo la notifica del suo arresto in relazione allo scandalo Odebrecht (la più grande compagnia di costruzioni di Brasile e America Latina). Ricoverato in gravi condizioni presso l'ospedale Casimiro Ulloa della capitale, è morto poche ore dopo a causa della gravità delle ferite riportate.[3][4]

Lo scandalo corruttivo Odebrecht ha portato all'arresto di tutti i presidenti peruviani che sono stati in carica dopo il 2000: quindi anche Toledo, Humala e Pedro Pablo Kuczynski.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze peruviane[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro dell'Ordine del Sole del Perù - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine del Sole del Perù
Gran Maestro dell'Ordine al Merito per Servizio Distinto - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al Merito per Servizio Distinto
Gran Maestro dell'Ordine Militare di Ayacucho - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Militare di Ayacucho

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Collare dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna)
— 24 ottobre 2008[5]
Gran Croce con Collare dell'Ordine al Merito della Repubblica ungherese (Ungheria) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce con Collare dell'Ordine al Merito della Repubblica ungherese (Ungheria)
— 2008
Gran Collare dell'Ordine Nazionale del Condor delle Ande (Bolivia) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Collare dell'Ordine Nazionale del Condor delle Ande (Bolivia)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Garcia Perez, Alan in "Lessico del XXI Secolo", su www.treccani.it. URL consultato il 17 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 18 aprile 2019).
  2. ^ Perù. Parlamento boccia pena di morte per terrorismo, su nessunotocchicaino.it. URL consultato il 24 giugno 2019.
  3. ^ Perù: ex presidente Alan Garcia muore dopo essersi sparato alla testa, su Agenzia Nova. URL consultato il 17 aprile 2019.
  4. ^ (EN) Tom Phillips Dan Collyns in Lima, Alan García: former Peru president dies after shooting himself before arrest, in The Guardian, 17 aprile 2019. URL consultato il 17 aprile 2019.
  5. ^ Bollettino Ufficiale di Stato [collegamento interrotto], su boe.es.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN34485666 · ISNI (EN0000 0001 1470 498X · LCCN (ENn83175459 · GND (DE118859943 · BNF (FRcb120969487 (data) · WorldCat Identities (ENn83-175459