Al MacNeil

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Al MacNeil
1963 Topps Al MacNeil.jpg
Nazionalità Canada Canada
Altezza 178 cm
Peso 82 kg
Hockey su ghiaccio Ice hockey pictogram.svg
Ruolo Dirigente (ex difensore)
Tiro Sinistro
Ritirato 1970 - giocatore
Hall of fame AHL Hall of Fame (2014)
Carriera
Periodo Squadra PG G A Pt
Giovanili
1953-1956 Toronto Marlboros 193 17 52 69
Squadre di club0
1956-1960 Rochester Americans 202 13 54 67
1956-1960 Toronto Maple Leafs 71 4 8 12
1960-1961 Hull-Ottawa Canadiens 74 8 24 32
1961-1962 Montréal Canadiens 66 1 7 8
1962-1966 Chicago Blackhawks 288 10 50 60
1966-1967 NY Rangers 62 0 4 4
1967-1968 Pittsburgh Penguins 74 2 10 12
1968-1969 Houston Apollos 73 1 12 13
1969-1970 Montreal Voyageurs 74 0 11 11
Allenatore
1968-1969 Houston Apollos Player/Coach
1969-1970 Montreal Voyageurs Player/Coach
1970-1971 Montréal Canadiens Head Coach
1971-1977 Nova Scotia Voyageurs Head Coach
1976-1981 Canada Canada Asst. Coach
1979-1980 Atlanta Flames Head Coach
1980-1982 Calgary Flames Head Coach
2003 Calgary Flames Head Coach
Dirigente
1977-1979 Montréal Canadiens Player Personnel
1985-2006 Calgary Flames Asst. GM
0 Dati relativi al campionato e ai playoff.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 3 ottobre 2015

Allister Wences MacNeil (Sydney, 27 settembre 1935) è un dirigente sportivo, ex hockeista su ghiaccio e allenatore di hockey su ghiaccio canadese che militò e allenò nella National Hockey League vincendo una Stanley Cup con i Montreal Canadiens, nonché membro della AHL Hall of Fame[1].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

MacNeil giocò a livello giovanile con i Toronto Marlboros nella Ontario Hockey Association per tre stagioni, riuscendo a vincere due Memorial Cup consecutive nel 1955 e nel 1956. Al termine della stagione 1955-56 entrò nel mondo professionistico con l'organizzazione dei Toronto Maple Leafs, alternandosi per le quattro stagioni successive fra NHL e AHL con il farm team dei Rochester Americans.[2]

Nel 1960 si trasferì ai Montreal Canadiens, giocando però una stagione nella EPHL; nel 1962 passò invece ai Chicago Blackhawks, franchigia con cui rimase per quattro stagioni mantenendo un ruolo da titolare.[2] Dopo aver giocato per un anno con i New York Rangers nel 1967 MacNeil venne selezionato dai Pittsburgh Penguins, una delle sei nuove franchigie iscritte alla NHL.[3]

Dopo una stagione a Pittsburgh MacNeil lasciò la NHL per concludere la propria carriera due anni più tardi nei farm team dei Canadiens in CHL e in AHL nella veste di allenatore in campo.[1]

Allenatore e dirigente[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 1970-1971 i Canadiens rischiarono di non entrare ai playoff, e per questo motivo MacNeil reduce da una buona stagione con i Montreal Voyageurs fu chiamato a sostituire Claude Ruel alla guida della franchigia canadese. Divenne il primo allenatore in NHL proveniente dalle province marittime e condusse i Canadiens a un successo quasi insperato vincendo la Stanley Cup contro i Blackhawks a Gara-7.[4] Fra i segreti del successo vi furono l'impiego in porta dell'esordiente Ken Dryden e di un altro rookie Réjean Houle per marcare la stella avversaria Bobby Hull.[5]

Tuttavia il fatto di non parlare il francese rese molto difficili i rapporti con i giocatori francofoni, compreso Henri Richard il quale lo criticò pubblicamente durante i playoff per essere stato messo in panchina. Nonostante la vittoria non venne riconfermato e passò alla guida dei Nova Scotia Voyageurs in AHL, la formazione affiliata a Montréal.[5] Nelle sei stagioni successive vinse tre Calder Cup e due Louis A. R. Pieri Memorial Award come miglior allenatore della lega, divenendo inoltre uno sei allenatori capaci di vincere sia la NHL che la AHL e l'allenatore più vincente della AHL con oltre il 64% di successi.[1]

MacNeil venne scelto anche come vice del Canada durante due edizioni della Canada Cup prima di entrare nello staff dei Canadiens nel biennio 1977-79, segnato dalla vittoria di altre due Stanley Cup. Nel 1979 tornò ad allenare con gli Atlanta Flames alla loro ultima stagione prima del trasferimento a Calgary.[2] A partire dal 1985 entrò definitivamente nella dirigenza del club come assistente general manager, incarico ricoperto per oltre venti anni.[4] Nella stagione 2002-2003 ritornò brevemente in panchina per sostituire lo squalificato Greg Gilbert.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Toronto Marlboros: 1955, 1956

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

  • EPHL First All-Star Team: 1
1960-1961

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) AHL Hall of Fame: Al MacNeil, ahlhalloffame.com. URL consultato il 3 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 4 ottobre 2015).
  2. ^ a b c (EN) Legends of Hockey - Player - Al MacNeil, legendsofhockey.net. URL consultato il 3 ottobre 2015.
  3. ^ (EN) Al MacNeil NHL Statistics, hockey-reference.com. URL consultato il 3 ottobre 2015.
  4. ^ a b (EN) The story of Al MacNeil: First Atlantic Canadian NHL coach, capebretonstar.ca, 26 novembre 2014. URL consultato il 3 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  5. ^ a b (EN) Al MacNeil - Bio, pictures, stats and more, ourhistory.canadiens.com. URL consultato il 3 ottobre 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]