Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Al-Zarqali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ritratto pubblicato dalla Fundación Española para la Ciencia y la Tecnología

Abū Isḥāq Ibrāhīm ibn Yaḥyā al-Naqqāsh al-Zarqālī (in arabo: إبراهيم بن يحيى الزرقالي‎; Toledo, 1029Siviglia, 1087) è stato un astronomo arabo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Copia di un astrolabio realizzato da Al-Zarqali

Il suo nome ha molte varianti: da Ibn az-Zarqalah, Azarquiel, El Zarquiel e Arzachel, quest'ultimo più diffuso nel Medioevo. Svolse la sua attività di astronomo prevalentemente nella città di Toledo, raggiungendo presto notorietà anche all'estero.

Sua opera principale, frutto di innumerevoli osservazioni della volta celeste, fu Le Tavole di Toledo o Tavole toledane, la cui precisione servì da punto di riferimento per la compilazione delle Tavole alfonsine, messe a punto da astronomi arabi ed ebrei di al-Andalus durante il regno di Alfonso X di Castiglia.

Il nome di al-Zarqālī è anche legato a un nuovo e pratico astrolabio, il cui uso si diffuse dappertutto nei secoli successivi.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN98323479 · LCCN: (ENn88106171 · ISNI: (EN0000 0000 7828 4358 · GND: (DE119262916 · BNF: (FRcb12046128c (data) · CERL: cnp00405048