Agente segreto X-9

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Secret Agent X-9" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Secret Agent X-9 (disambigua).
Agente segreto X-9
Agentesegretox9 gip.jpg
Scott Kolk/Phil Corrigan "Agente segreto X-9" (a sinistra) in uno screenshot del serial Secret Agent X-9 (1937)
Nome orig. Secret Agent X-9
Lingua orig. Inglese
Alter ego Phil Corrigan
Autore Dashiell Hammett
1ª app. 22 gennaio 1934 – 1997
app. it. 1934
app. it. in L'Avventuroso
Sesso Maschio
Professione agente segreto
Agente segreto X-9
fumetto
Lingua orig. inglese
Paese Stati Uniti
Autore Dashiell Hammett
Disegni Alex Raymond
1ª edizione 1934
Genere spionaggio

L'Agente segreto X-9 (Secret Agent X-9) è un personaggio immaginario creato nel 1934 da Dashiell Hammett e dal disegnatore Alex Raymond[1] protagonista di una serie a fumetti di genere poliziesca a strisce giornaliere pubblicata su numerosi giornali statunitensi dal 22 gennaio 1934 al febbraio 1997.[2] Vengono tratti due serie di episodi della Universal, nel 1937 e nel 1945.[3][4]

Storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

La serie venne pubblicata ininterrottamente su numerosi giornali statunitensi dal 22 gennaio 1934 al febbraio 1997. Non venne mai prodotta una versione a tavole domenicali.[2] Venne ideata dallo scrittore giallista Dashiell Hammett che realizzerà storie dalle trame ben congegnate e dense di colpi di scena, ma nell'aprile 1935 lascia l'incarico a Leslie Charteris per qualche mese prima di essere affidata ad autori meno noti che contribuiranno al lento declino del personaggio snaturandolo. Per i disegni, dopo Alex Raymond, dal 1935 i disegni vennero realizzati da Charles Flanders a cui seguiranno Nicholas Fonsky (1938), Austin Briggs (1938), Mel Graff (1940) che si alternava a Paul Norris (1955/59), Bob “Lewis” Lubbers (1960).[2][3] A metà degli anni sessanta la qualità è notevolmente calata e la serie è pubblicata su pochi giornali statunitensi. Il King Features Syndicate, l'agenzia che ne detiene i diritti, decide di rilanciare la serie affidandola ad Archie Goodwin e ad Al Williamson i quali fanno esordire il nuovo corso della serie X-9 Secret Agent Corrigan il 30 gennaio 1967 raggiungendo ottimi risultati e realizzando un sodalizio artistico che durerà fino al 1980, quando il disegnatore abbandona la serie, che viene affidata a George Evans.[3]

Edizione estere[modifica | modifica wikitesto]

Italia[modifica | modifica wikitesto]

In Italia la serie esordì sul settimanale L'Avventuroso[5] e poi su altre testate e quotidiani.[2]

Il personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Phil Corrigan è un agente dell'FBI di cui si sa molto poco. Dedito con implacabile impegno alla lotta contro la malavita organizzata, è un agente incorruttibile e molto coraggioso che agisce da solo capace di infiltrarsi tra i criminali per raggiungere i suoi obiettivi. Quando la piccola Hilda, che ha salvato dalle grinfie dei suoi rapitori, gli chiede perché avesse promesso a sua madre che l'avrebbe trovata a ogni costo, risponde:«Perché anch'io avevo una bambina come te: sua madre era bella come la tua. Sono state uccise tutte e due e ho giurato di vendicarmi su tutti i criminali. Così dedico la mia vita alla lotta contro il crimine!».[3]

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

La Universal Pictures ha prodotto due serial cinematografici basati sulle avventure del personaggio dell'agente segreto X-9, rispettivamente nel 1937 (con Scott Kolk, 12 episodi per la durata di 232 minuti) e nel 1945 (con Lloyd Bridges, 13 episodi per la durata di 246 minuti).[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (lo stesso di Flash Gordon e Jim della giungla)
  2. ^ a b c d Agente segreto X-9, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 06 giugno 2017.
  3. ^ a b c d FFF - Fumetto, SECRET AGENT X-9, su www.lfb.it. URL consultato il 06 giugno 2017.
  4. ^ a b Agente segreto X-9 - film, su www.lfb.it. URL consultato il 06 giugno 2017.
  5. ^ FFF - Testate, AGENTE SEGRETO X-9, su www.lfb.it. URL consultato il 06 giugno 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]