Aextoxicon punctatum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Aextoxicon punctatum
Flora del bosque relicto Cerro Santa Inés 01.JPG
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione APG IV
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Mesangiosperme
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Eudicotiledoni centrali
(clade) Superasteridi
Ordine Berberidopsidales
Famiglia Aextoxicaceae
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Rosidae
Ordine Celastrales
Famiglia Aextoxicaceae
Engl. & Gilg
Genere Aextoxicon
Ruiz & Pav.
Specie A. punctatum
Nomenclatura binomiale
Aextoxicon punctatum
Ruiz & Pav.

Aextoxicon punctatum Ruiz & Pav. è un albero diffuso in Cile e Argentina ove è noto con il nome comune di olivillo o aceitunillo. È l'unica specie del genere Aextoxicon e della famiglia Aextoxicaceae.[2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È un albero sempreverde che può raggiungere i 25 m di altezza, con un tronco di circa 1 m di diametro.[3]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Aextoxicon punctatum è presente in Cile e in Argentina; è talora la specie dominante nelle foreste temperate valdiviane ed è presente anche nelle foreste subpolari di Nothofagus.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

La classificazione tradizionale (Sistema Cronquist) include la famiglia Aextoxicaceae nell'ordine Celastrales mentre la classificazione APG la assegna all'ordine Berberidopsidales.[4][5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Barstow, M., Beech, E. & Rivers, M.C. 2018, Aextoxicon punctatum, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2020.2, IUCN, 2020. URL consultato il 4 gennaio 2021.
  2. ^ (EN) Aextoxicon punctatum, su Plants of the World Online, Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 4 gennaio 2021.
  3. ^ (ES) García N. y C. Ormazábal, Aextoxicon punctatum, in Árboles Nativos de Chile, Santiago, Enersis S.A, 2008, p. 145. URL consultato il 12 ottobre 2017.
  4. ^ (EN) Angiosperm Phylogeny Group, An update of the Angiosperm Phylogeny Group classification for the orders and families of flowering plants: APG III, in Botanical Journal of the Linnean Society, vol. 161, n. 2, 2009, pp. 105–121, DOI:10.1111/j.1095-8339.2009.00996.x. URL consultato il 12 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 25 maggio 2017).
  5. ^ (EN) Reveal James L., Summary of recent systems of angiosperm classification, in Kew Bulletin, vol. 66, Royal Botanic Gardens, Kew, 2011, pp. 5–48, DOI:10.1007/s12225-011-9259-y.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica