Aeroporto di Istanbul-Atatürk

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Aeroporto di Istanbul - Ataturk)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'aeroporto turco nella parte asiatica della città, vedi Aeroporto Internazionale Sabiha Gökçen.
Aeroporto di Istanbul-Atatürk
Ataturk Airport Karakas-1.jpg
Codice IATA IST
Codice ICAO LTBA
Nome commerciale Atatürk Uluslararası Havalimanı
Istanbul Atatürk International Airport
Descrizione
Tipo civile
Gestore General Directorate of State Airports
Stato Turchia Turchia
Regione Regione di Marmara
Posizione a 24 km ad ovest di Istanbul
Altitudine AMSL 50 m
Coordinate 40°58′53″N 28°49′05″E / 40.981389°N 28.818056°E40.981389; 28.818056Coordinate: 40°58′53″N 28°49′05″E / 40.981389°N 28.818056°E40.981389; 28.818056
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Turchia
LTBA
LTBA
Sito web www.ataturkairport.com
Piste
Orientamento (QFU) Lunghezza Superficie
17L/35R 3 000 m calcestruzzo
17R/35L 3 000 m calcestruzzo
05/23 2 580 m calcestruzzo
Statistiche
Passeggeri in transito 61.322.729 (2015)

[senza fonte]

L'Aeroporto di Istanbul-Atatürk (IATA: ISTICAO: LTBA) è il principale aeroporto turco, nonché quinto in Europa per numero di passeggeri.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Attentato del 28 giugno 2016 all'Aeroporto di Istanbul-Atatürk.

Aperto nel 1924, si trova a Yeşilköy nel distretto di Bakırköy nella parte europea della città di Istanbul, a circa 24 km ad ovest dalla penisola storica nella provincia di Istanbul. Inizialmente chiamato Yeşilköy International Airport, nel 1980 l'aeroporto è stato intitolato al primo Presidente della Repubblica di Turchia Mustafa Kemal Atatürk (1881-1938).

La sera del 28 giugno 2016 l'aeroporto è stato oggetto di un grave attentato di tipo terroristico che ha provocato decine di vittime.[1][2]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Con un traffico passeggeri di quasi 39 milioni di unità fra il giugno 2011 e il giugno 2012, risulta essere il ventisettesimo aeroporto al mondo in termini di transito passeggeri.[3] Nel 2013 è stato il sesto aeroporto più trafficato d'Europa, alle spalle di Madrid e davanti a Roma.

Piste[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto per costruire una nuova pista, parallela alla 05/23 già esistente, è rallentato a causa del terreno di proprietà militare che richiede una trattativa con le autorità. La nuova pista permetterebbe all'aeroporto un servizio ininterrotto anche durante la manutenzione della pista più vecchia; è inoltre prevista un'estensione di quest'ultima che permetterebbe l'atterraggio ad aerei più grandi, come gli Airbus A380 utilizzati già da molte compagnie.

Compagnie aeree e destinazioni[modifica | modifica wikitesto]

L'aeroporto dispone di quattro terminal:

  • Terminal 1: voli nazionali
  • Terminal 2: voli internazionali
  • Terminal 3: voli cargo
  • Terminal Aviazione Generale

Terminal 1[modifica | modifica wikitesto]

  • Turchia Atlasjet (Antalya, Bodrum, Dalaman, Izmir)
  • Turchia Onur Air (Adana, Ankara, Antalya, Bodrum, Dalaman, Diyarbakır, Erzurum, Gaziantep, Smirne, Malatya, Samsun, Trabzon)
  • Turchia Pegasus Airlines (Ankara, Bodrum)
    • operato da Turchia IZair (Smirne)
  • Turchia Turkish Airlines (Adana, Adıyaman, Ağrı, Ankara, Adalia, Batman, Bodrum, Çanakkale, Dalaman, Denizli, Diyarbakir, Elazığ, Erzincan, Erzurum, Eskişehir, Gaziantep, Hatay, Isparta, Smirne, Kahramanmaraş, Kars, Kayseri, Konya, Malatya, Mardin, Merzifon, Muş, Nevşehir, Samsun, Şanlıurfa, Sinop, Sivas, Trabzon, Uşak, Van)

Terminal 2[modifica | modifica wikitesto]

Compagnie aeree e destinazioni storiche[modifica | modifica wikitesto]

In seguito all'Abbattimento del Su-24 russo del 2015 sono stati chiusi tutti i voli di linea e charter dalla Russia per la Turchia.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Istanbul: kamikaze all’aeroportoIl bilancio: 36 morti, 147 i feritiLe ipotesi degli investigatori sull’Isis, corriere.it. URL consultato il 29 giugno 2016.
  2. ^ Attentato a Istanbul, la testimonianza «Ho sentito gli spari in aeroporto, siamo vivi per cinque minuti», corrierefiorentino.corriere.it. URL consultato il 29 giugno 2016.
  3. ^ Airports Council International.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]