Adrafinil

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Adrafinil
Adrafinil.svg
Nome IUPAC
(RS)-2-benzhydrylsulfinylethanehydroxamic acid
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC15H15NO3S
Massa molecolare (u)289,351
Numero CAS63547-13-7
Numero EINECS264-303-1
Codice ATCN06BX17
PubChem3033226
DrugBankDB08925
SMILES
C1=CC=C(C=C1)C(C2=CC=CC=C2)S(=O)CC(=O)NO
Dati farmacologici
Modalità di
somministrazione
orale
Dati farmacocinetici
Biodisponibilità80%
Metabolismo75% epatico
Emivita1 ora
Escrezionerenale
Indicazioni di sicurezza

L'adrafinil (chiamato anche composto CRL-40028) è un farmaco psicotonico non anfetaminico che stimola in modo lieve il sistema nervoso centrale.[1] Il farmaco è stato usato per alleviare l'eccessiva sonnolenza[2] e disattenzione nei pazienti anziani. È stato inoltre utilizzato off-label da parte di individui che desiderano evitare la fatica, ad esempio i lavoratori notturni o altri soggetti che necessitano di restare svegli e vigili per lunghi periodi di tempo. Adrafinil è un profarmaco, che viene metabolizzato in vivo in modafinil, con effetti farmacologici quasi identici a quest'ultimo composto.

Adrafinil non ha ricevuto l'autorizzazione al commercio da parte della USA Food and Drug Administration (FDA) ma è stato commercializzato in Francia ed in altri paesi europei con il nome commerciale di Olmifon fino al dicembre 2011 quando l'Agence française de sécurité sanitaire des produits de santé (ANSM) ha rivalutato il farmaco concludendo che il rapporto rischio/beneficio dell'adrafinil è sfavorevole e proponendone quindi una revoca dell'autorizzazione al commercio[3]
Un lavoro scientifico del 2007 ha messo in luce come il farmaco possa essere oggetto di utilizzo in ambito sportivo o militare come psicostimolante, anche in un contesto di automedicazione.[4]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Adrafinil fu scoperto e sviluppato alla fine del 1970 dagli scienziati che lavorano nei Lafon Laboratories una società francese acquisita nel 2001 della azienda farmaceutica Laboratoires Cephalon.[5] Gli studi sperimentali effettuati sugli animali avevano evidenziato un aumento della attività locomotoria nei ratti dopo somministrazione del farmaco.[6] A molti anni di distanza queste osservazioni furono successivamente confermate in studi su cani anziani.[7][8] Nel 1986 il farmaco fu utilizzato in Francia per il trattamento sperimentale della narcolessia. Successivamente la società Cephalon sintetizzò il modafinil, il metabolita attivo dell'adrafinil. Il Modafinil ha mostrato di possedere una azione più selettiva rispetto all'adrafinil e con minori effetti collaterali. Questi dati hanno progressivamente portato ad un minore interesse per adrafinil.

Farmacocinetica[modifica | modifica wikitesto]

Il farmaco agisce probabilmente per attivazione dei recettori α1-adrenergici postsinaptici localizzati nei centri di vigilanza e di veglia.[9][10][11]
Nell'uomo, quando è assunto per via orale ed a stomaco vuoto, l'assorbimento intestinale è rapido.
Il t1/2 di assorbimento è di 12 ± 3 minuti. La concentrazione plasmatica massima viene raggiunta entro 0,9 ± 0,2 ore.
Gli effetti sono di solito manifestano entro 45-60 minuti. Il legame con le proteine plasmatiche umane è elevato (80%).
Contrariamente al modafinil, di cui adrafinil è il precursore chimico, ci vuole tempo per il metabolita prima di accumularsi a livelli attivi nel sangue.

Indicazioni terapeutiche[modifica | modifica wikitesto]

Trattamento sintomatico di alterazioni dello stato di vigilanza[2] e di manifestazioni depressive.

Posologia e vie di somministrazione[modifica | modifica wikitesto]

La somministrazione avviene per via orale al dosaggio giornaliero consigliato di 2-4 compresse da 0,3g.

Effetti collaterali[modifica | modifica wikitesto]

Sono stati segnalati episodi transitori di agitazione, confusione mentale, aggressività o eccitazione psichica. Queste manifestazioni regrediscono spontaneamente riducendo la posologia.
Eccezionalmente si possono verificare alterazioni dell'umore in malati affetti da sindromi maniaco-depressive.
Si possono osservare talvolta gastralgie, eruzioni cutanee e discinesie orofacciali[12].

Controindicazioni e precauzioni d'uso[modifica | modifica wikitesto]

In caso di epilessia occorre assicurarsi che il trattamento anticomiziale sia efficace e correttamente seguito prima di instaurare la terapia con adrafinil. Nell'insufficienza epatica grave o nelle insufficienze renali occorre ridurre la posologia (300–600 mg/die). Nei casi di trattamento prolungato occorre controllare periodicamente i livelli di fosfatasi alcalina nel sangue.

Interazioni[modifica | modifica wikitesto]

Possibile potenziamento dell'effetto disinibitore dei neurolettici.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Milhaud CL, Klein MJ, [The effect of adrafinil on the nocturnal activity of the rhesus monkey (Macaca mulatta)], in J Pharmacol, vol. 16, nº 4, 1985, pp. 372–80, PMID 4094435.
  2. ^ a b Lagarde D, Batejat D, Some measures to reduce effects of prolonged sleep deprivation, in Neurophysiol Clin, vol. 25, nº 6, 1995, pp. 376–85, DOI:10.1016/0987-7053(96)84911-2, PMID 8904200.
  3. ^ Réévaluation du rapport bénéfice/risque des médicaments à base d’adrafinil, ANSM. URL consultato il 27 maggio 2012..
  4. ^ (FR) Lagarde D, [Pharmacological approach to desychronization of the sleep-wakefulness cycle in the military and sport environment], in Ann Pharm Fr, vol. 65, nº 4, luglio 2007, pp. 258–64, PMID 17652994.
  5. ^ News Release (Cephalon). "Cephalon, Inc. Plans to Acquire France's Group Lafon." WEST CHESTER, Pa., Dec 3, 2001 (PR Newswire) Link
  6. ^ (FR) Rambert FA, Pessonnier J, de Sereville JE, Pointeau AM, Duteil J, [A unique psychopharmacologic profile of adrafinil in mice], in J Pharmacol, vol. 17, nº 1, 1986, pp. 37–52, PMID 3713198.
  7. ^ Siwak CT, Gruet P, Woehrlé F, et al., Behavioral activating effects of adrafinil in aged canines, in Pharmacol. Biochem. Behav., vol. 66, nº 2, giugno 2000, pp. 293–300, PMID 10880681.
  8. ^ Milgram NW, Siwak CT, Gruet P, Atkinson P, Woehrlé F, Callahan H, Oral administration of adrafinil improves discrimination learning in aged beagle dogs, in Pharmacol. Biochem. Behav., vol. 66, nº 2, giugno 2000, pp. 301–5, PMID 10880682.
  9. ^ Duteil J, Rambert FA, Pessonnier J, Gombert R, Assous E, A possible alpha-adrenergic mechanism for drug (CRL 40028)-induced hyperactivity, in Eur. J. Pharmacol., vol. 59, 1-2, ottobre 1979, pp. 121–3, PMID 228945.
  10. ^ Simon P, Chermat R, Puech AJ, Pharmacological evidence of the stimulation of central alpha-adrenergic receptors, in Prog. Neuropsychopharmacol. Biol. Psychiatry, vol. 7, 2-3, 1983, pp. 183–6, PMID 6310690.
  11. ^ Rozé C, Chariot J, Vaille C, Drug CRL 40 028-induced inhibition of pancreatic secretion in rats, in Arch Int Pharmacodyn Ther, vol. 265, nº 1, settembre 1983, pp. 119–27, PMID 6139981.
  12. ^ Thobois S, Xie J, Mollion H, Benatru I, Broussolle E, Adrafinil-induced orofacial dyskinesia, in Mov. Disord., vol. 19, nº 8, agosto 2004, pp. 965–6, DOI:10.1002/mds.20154, PMID 15300665.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]