Achille Perilli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Achille Perilli (Roma, 28 gennaio 1927Orvieto, 16 ottobre 2021) è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Frequenta il liceo classico e nel 1945 si iscrive alla facoltà di Lettere e prepara una tesi su Giorgio De Chirico senza però laurearsi. È stato cofondatore, con Attardi, Consagra, Dorazio, Guerrini, Accardi, Sanfilippo e Turcato, dell'avanguardia artistica detta Gruppo Forma 1 di ispirazione marxista.

Espone in numerosissime mostre personali e collettive tra cui si ricordano le partecipazioni alla Esposizione internazionale d'arte di Venezia del 1952, 1958 e nel 1962 e nel 1968 con una sala personale[1][2]. Dal 1948 al 1986 partecipa a cinque edizioni della Quadriennale di Roma[3]. Nel 1963-64 espone alla mostra Peintures italiennes d'aujourd'hui, organizzata in medio oriente e in nordafrica[4]. Per il suo lavoro è diventato membro della Accademia nazionale di San Luca nel 1995 e ha ricevuto il premio presidente della repubblica nel 1997[5].

Fonda, insieme a Piero Dorazio, Guerrini, Renzo Vespignani, Buratti, Muccini e Maffioletti, il Gruppo Arte Sociale (GAS). Insieme a Dorazio e a Guerrini fonda la Libreria-Galleria “Age d'Or” con la quale diviene organizzatore di diversi eventi artistici tra i quali spicca la collaborazione alla triennale di Milano invitato da Lucio Fontana.

La sua cifra stilistica è stata la costante ricerca dell'utilizzo e della combinazione di forme geometriche e di colori brillanti, proseguita lungo tutta la vita, indagando le forme dell'astrazione pur in una coerenza stilistica.[6]

Achille Perilli nei musei[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Copia archiviata, su achilleperilli.com. URL consultato il 25 settembre 2016 (archiviato dall'url originale l'11 ottobre 2016).
  2. ^ Copia archiviata, su achilleperilli.com. URL consultato il 25 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 10 ottobre 2016).
  3. ^ Achille Perilli, su quadriennalediroma.org. URL consultato il 17 marzo 2015.
  4. ^ Peintures italiennes d'aujourd'hui, su quadriennalediroma.org. URL consultato il 28 febbraio 2016.
  5. ^ accademiasanluca.eu, http://www.accademiasanluca.eu/it/accademici/id/183/achille-perilli.
  6. ^ Morto il pittore Achille Perilli - Cultura & Spettacoli, su Agenzia ANSA, 17 ottobre 2021. URL consultato il 18 ottobre 2021.
  7. ^ Un'opera di Perilli al MACRO dal titolo Rosa Luxemburg, su museomacro.org (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2016).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN98113787 · ISNI (EN0000 0000 7818 8999 · SBN CFIV017607 · ULAN (EN500005246 · LCCN (ENn83135581 · GND (DE119116790 · BNF (FRcb131778661 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n83135581