Abraham Skorka

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rabbi Abraham Skorka (2015)

Abraham Skorka (Buenos Aires, 5 luglio 1950) è un rabbino, scrittore e biofisico argentino. È rettore del Seminario Rabinico Latinoamericano a Buenos Aires[1], rabbino della comunità ebraica Benei Tikva, professore di letteratura biblica e rabbinica al Seminario Rabinico Latinoamericano e professore onorario di diritto ebraico all'Universidad del Salvador, Buenos Aires.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Abraham Skorka tenne con l'allora arcivescovo di Buenos Aires Jorge Mario Bergoglio, poi divenuto Papa Francesco, una serie di conversazioni interreligiose su argomenti quali Dio, il fondamentalismo, gli atei, la morte, l'olocausto, l'omosessualità e il capitalismo. I dialoghi ebbero luogo alternativamente presso la sede vescovile e presso la comunità ebraica Benei Tikva. Furono poi raccolti e pubblicati in un libro intitolato Sobre el Cielo y la Tierra (trad. it.: Il cielo e la terra).

Nel 1973 Skorka si laureò nel Seminario Rabinico Latinamericano con l'ordinazione a rabbino.[2]

Nel 1979 conseguì il suo dottorato in chimica all'Università di Buenos Aires. Skorka ha pubblicato testi scientifici nel campo della biofisica e numerosi articoli nel campo delle ricerche bibliche e talmudiche.[3]

Ricevette la laurea di Dottore (HC) dal Jewish Theological Seminary di New York.[4]

Nel 2010 la Universidad Católica Argentina lo insignì di un dottorato honoris causa,[5] essendo la prima volta in America Latina che un'università cattolica dava questo titolo a un rabbino.[6]

Nel maggio 2017, Skorka pubblicò un'approvazione in merito alla Dichiarazione Rabbinica Ortodossa sul Cristianesimo intitolato "Fare la volontà del Padre Nostro nei Cieli: verso una collaborazione tra ebrei e cristiani", pubblicato due anni prima dal Centro per la cooperazione e l'intesa ebraico-cristiana (CJCUC)[7]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Libri

Cassette

Articoli pubblicati su La Nación (selezione)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Videos

Immagini

Controllo di autorità VIAF: (EN51111717 · LCCN: (ENn2006025900 · ISNI: (EN0000 0000 3608 3435 · GND: (DE1033830119 · BNF: (FRcb16704570q (data)