Abraham Lincoln (French 1920)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Abraham Lincoln
Lincoln statue, Lincoln Memorial.jpg
AutoriDaniel Chester French e fratelli Piccirilli
Data1920
Materialemarmo
Altezza900 cm
UbicazioneLincoln Memorial, Washington
Coordinate38°53′21.48″N 77°03′00.44″W / 38.8893°N 77.050122°W38.8893; -77.050122Coordinate: 38°53′21.48″N 77°03′00.44″W / 38.8893°N 77.050122°W38.8893; -77.050122

La Abraham Lincoln (1920) è una statua colossale raffigurante il presidente degli Stati Uniti d'America Abraham Lincoln (1809 - 1865) in posizione seduta, opera realizzata dallo scultore Daniel Chester French (1850 - 1931) e intarsiata con l'aiuto dei fratelli Piccirilli.

Il monumento è situato nel Lincoln Memorial (costruito tra il 1914 e il 1922), facente parte del National Mall di Washington, e fu inaugurato nel 1922. Stilisticamente il lavoro prosegue il cammino intrapreso dall'artista inserito nelle tradizioni dell'Architettura Beaux-Arts e dell'American Renaissance.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il colosso del peso complessivo di 170 tonnellate è composta da 28 enormi blocchi di marmo bianco assemblati insieme provenienti dalla Georgia e messi a disposizione dalla Georgia Marble Company[1]; essa si alza per 9 metri dal pavimento, compresa la figura seduta delle dimensioni di 5,8 m (con poltrona e poggiapiedi inclusi. Il tutto sulla base di un piedistallo alto 3,4 m.

La figura di Lincoln guarda direttamente in avanti e leggermente rivolta in basso con un'espressione di gravità e solennità; la sua redingote risulta essere sbottonata e una grande bandiera degli Stati Uniti d'America è drappeggiata sulla schiena e sui due lati della sedia.

L'artista presta una particolare attenzione alle mani espressive del presidente, le quali poggiano sulle enormi braccia di una sedia circolare da cerimonia, i cui fronti portano ognuno un fascio littorio, emblemi di autorità dell'antica Roma. French ha qui utilizzato le proprie dita come modello per ottenerne il posizionamento corretto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jacob, Kathryn Allamong (1998), Testament to Union: Civil War Monuments in Washington, D.C., Baltimore: The Johns Hopkins University Press, pp 119–125.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Scultura Portale Scultura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di scultura