Abdul Ahad Momand

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Abdul Ahad Momand
Cosmonauta dell'Intercosmos
NazionalitàAfghanistan Afghanistan
StatusRitirato
Data di nascita1º gennaio 1959
Selezione1988
Primo lancio29 agosto 1988
Ultimo atterraggio7 settembre 1988
Altre attivitàPilota
Tempo nello spazio8 giorni, 20 ore e 26 minuti
Missioni
Data ritiro1988

Abdul Ahad Momand (Afghanistan, 1º gennaio 1959) è un cosmonauta afghano naturalizzato tedesco.

È stato il quarto musulmano e il primo e per ora unico afghano ad andare nello spazio.

Laureato nell'Università Politecnico di Kabul, ha frequentato la Gagarin Air Force Academy nel 1987

Ha volato per la prima volta il 26 agosto 1988 sulla missione Sojuz TM-6 come cosmonauta di ricerca verso la stazione spaziale Mir, facendo il suo ritorno sulla Terra con la missione spaziale Sojuz TM-5. È stato decorato come Eroe dell'Unione Sovietica e dell'Ordine di Lenin il 7 settembre 1988.

Nel 1992 si è spostato in Germania chiedendo asilo. Nel 2003 ha ottenuto la cittadinanza.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Abdul Ahad Momand ha ricevuto in totale 4 onoreficenze (1 afghana, 2 sovietiche e 1 russa) di cui le prime il 7 settembre 1988 e l'ultima il 12 aprile 2011.

Onorificenze afghane[modifica | modifica wikitesto]

Ordine del Sole e della libertà - nastrino per uniforme ordinaria Ordine del Sole e della libertà

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia per i contributi alla conquista dello spazio (Russia) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per i contributi alla conquista dello spazio (Russia)
«Per l'eccezionale contributo allo sviluppo della cooperazione internazionale in materia di volo spaziale»
— 12 aprile 2011
Eroe dell'Unione Sovietica (URSS) - nastrino per uniforme ordinaria Eroe dell'Unione Sovietica (URSS)
«Per l'efficace attuazione di un volo spaziale internazionale e per la visualizzazione di coraggio ed eroismo»
— 7 settembre 1988
Ordine di Lenin (URSS) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Lenin (URSS)
«Per l'efficace attuazione di un volo spaziale internazionale e per la visualizzazione di coraggio ed eroismo»
— 7 settembre 1988

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]