619

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il 619 (DCXIX in numeri romani) è un anno del VII secolo.

619 negli altri calendari
Calendario gregoriano 619
Ab Urbe condita 1372 (MCCCLXXII)
Calendario armeno 67 — 68
Calendario bengalese 25 — 26
Calendario berbero 1569
Calendario bizantino 6127 — 6128
Calendario buddhista 1163
Calendario cinese 3315 — 3316
Calendario copto 335 — 336
Calendario ebraico 4378 — 4379
Calendario etiopico 611 — 612
Calendario induista
Vikram Samvat
Shaka Samvat
Kali Yuga

674 — 675
541 — 542
3720 — 3721
Calendario islamico Jahiliyya
Calendario persiano N.D.

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Maometto, rimasto vedovo di Khadīja bt. Khuwaylid, prende in moglie Khawla bt. Zamʿa e ʿĀʾisha bt. Abī Bakr

Eleuterio, esarca di Ravenna, nel dicembre 619 si ribella all'imperatore di Bisanzio, Eraclio, e si autoproclama Imperatore Romano d'Occidente.[1] Dalle monete fatte coniare dalla zecca di Ravenna da Eleuterio a suo nome durante la rivolta risulta che l'usurpatore abbia assunto il nome Ismailius[2], il quale si recò successivamente dall'arcivescovo di Ravenna Giovanni IV per farsi incoronare ufficialmente ma il porporato evitò di prendersi questa responsabilità (forse temendo l'ira di Eraclio nel caso che l'usurpazione fosse fallita) e consigliò, piuttosto, di recarsi a Roma per farsi incoronare dal papa[3]:  secondo lo studioso Classen, si tratterebbe della «prima marcia di incoronazione a Roma della storia del mondo»[4]. La sua avventura però è effimera: egli fu ucciso, presso Castrum Luceoli, dai soldati rimasti fedeli all'imperatore di Bisanzio nel mentre che cercava di raggiungere la città eterna[5]. È l'ultima volta nella storia che si tenta di far risorgere l'Impero Romano d'Occidente.

Nati[modifica | modifica wikitesto]

Morti[modifica | modifica wikitesto]

Calendario[modifica | modifica wikitesto]

Calendario 619
  1 2 3 4 5 6 7 8 9 10   11 12 13 14 15 16 17 18 19 20   21 22 23 24 25 26 27 28 29 30   31
Gennaio Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me  
Febbraio Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me      
Marzo Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa  
Aprile Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu  
Maggio Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi  
Giugno Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa  
Luglio Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma  
Agosto Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve  
Settembre    Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do  
Ottobre Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me  
Novembre Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve  
Dicembre Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu  

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ottorino Bertolini, Appunti per la storia del senato di Roma durante il periodo bizantino, Livorno, Ottavio Banti, 1968.
  2. ^ Ravegnani, I Bizantini in Italia, Bologna, Il Mulino, 2004, p. 29.
  3. ^ Ravagnani, I Bizantini in Italia, Bologna, Il Mulino, 2004, p. 109.
  4. ^ P. Classen, Die erste Romzug in der Weligeschichte. Zur Geschichte des Kaisertum im Westen und der Kaiserkrönung in Rom zwischen Theodosius dem Grossen und Karl dem Grossen, in Historische Forschungen für Walter Schlesinger, Köln-Wien, H. Beumann, 1971, pp. 325-347.
  5. ^ Ottorino Bertolini, Roma di fronte a Bisanzio e ai Longobardi.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]