4ª Armata corazzata delle guardie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
4ª Armata corazzata delle guardie
Dresda 4 GTA.jpg
Carri T-34/85 della 4ª Armata corazzata delle guardie avanzano verso Dresda nel maggio 1945
Descrizione generale
Attivaagosto 1942 - 1960
NazioneUnione Sovietica Unione Sovietica
ServizioArmata Rossa
Tipocorazzato
DimensioneArmata corazzata (1942-1960)
EquipaggiamentoNel corso del tempo:
Battaglie/guerre
DecorazioniUnità delle guardie (marzo 1945)
Simboli
Forze corazzate e meccanizzateRAF A emb-Armoured forces1936.gif
Unità delle guardie dell'Armata RossaSoviet Guards Order.png
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La 4ª Armata corazzata delle guardie (in russo: 4-я гвардейская танковая армия) era una formazione corazzata dell'Armata Rossa che partecipò ad alcune delle grandi battaglie durante la campagna sul fronte orientale della seconda guerra mondiale. Dopo un inizio particolarmente difficile durante la battaglia di Stalingrado, l'armata venne ricostituita completamente nell'estate 1943 e con il tempo divenne una delle unità meccanizzate sovietiche più potenti. Particolarmente ben equipaggiata con due corpi meccanizzati e un corpo carri, la 4ª Armata corazzata delle guardie concluse la grande guerra patriottica entrando vittoriosamente a Praga.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Costituita il 1 agosto 1942 come "4ª Armata corazzata" in una situazione di emergenza per cercare di fermare la grande offensiva tedesca verso Stalingrado, venne inizialmente equipaggiata con pochi mezzi corazzati e nonostante alcuni tentativi di contrattacco, dovette ripiegare dietro il Don senza essere riuscita ad arrestare la marcia dei tedeschi fino al Volga. La 4ª Armata corazzata venne quindi sciolta alla fine di ottobre 1942 nel quadro del programma di completa revisione delle forze corazzate sovietiche. Nell'estate 1943 lo Stavka costituì una seconda volta la "4ª Armata corazzata" con due corpi carri e un corpo meccanizzato dotandola di oltre 500 carri armati moderni. Affidata all'esperto generale Vasilij Michajlovič Badanov, distintosi durante la battaglia di Stalingrado, l'armata entrò in azione nella operazione Kutuzov contro il saliente di Orël ma, nonostante avesse mostrato grande coraggio e slancio offensivo, non riuscì a sfondare il fronte tedesco e subì di nuovo forti perdite.

Il generale Dmitrij Danilovič Leljušenko, comandante della 4ª Armata corazzata delle guardie dal marzo 1944 alla fine della guerra.

Nel resto del 1943 e nell'inverno 1944 l'armata partecipò all'avanzata generale tedesca e in particolare contribuì al temporaneo accerchiamento delle forze tedesche del generale Hans Hube nella sacca di Kam"janec'-Podil's'kyj, ma venne di nuovo criticata per non essere riuscita ad impedire la fuga del nemico. Nell'estate 1944 finalmente la 4ª Armata corazzata, passata al comando del generale Dmitrij Danilovič Leljušenko, grande esperto di mezzi corazzati e di operazioni mobili, ottenne i suoi primi grandi successi, partecipando in modo decisivo alla liberazione di Leopoli e alla marcia verso la Vistola. Nell'ultimo anno di guerra l'armata, sempre comandanta dal generale Leljušenko e alle dipendenze del 1º Fronte ucraino del maresciallo Ivan Konev, venne potenziata con un secondo corpo meccanizzato e divenne una delle principali forze d'urto dell'Armata Rossa. Nelle grandi battaglie invernali del 1945 (operazione Vistola-Oder), la 4ª Armata corazzata fu in grado contemporaneamente di avanzare in profondità in Polonia e infliggere una dura sconfitta alla riserve corazzate tedesche.

I carri armati del generale Leljušenko si distinsero ancor di più nella battaglia finale di Berlino: sempre alle dipendenze del 1º Fronte ucraino, avanzarono in profondità a sud di Berlino, chiusero l'accerchiamento a ovest della capitale tedesca, contribuirono ai combattimenti nell'area urbana meridionale, parteciparono alla distruzione delle truppe tedesche accerchiate ad Halbe e infine respinsero anche i tentativi della cosiddetta "Armata Wenck" di venire in soccorso della guarnigione della città. Dopo questi brillanti successi, la 4ª Armata corazzata, che aveva ricevuto nel marzo 1945, il titolo "delle guardie", discese rapidamente a sud e concluse la seconda guerra mondiale entrando a Dresda e liberando Praga il 9 maggio 1945.

Dopo la seconda guerra mondiale, la 4ª Armata corazzata delle guardie prese la nuova denominazione di 4ª Armata meccanizzata delle guardie e rimase sul suolo tedesco entrando a far parte del Gruppo di forze sovietiche in Germania durante il primo periodo della Guerra fredda. Dopo numerosi cambiamenti di organico e di equipaggiamento, l'armata venne infine trasformata nel 1960 e prese la nuova denominazione di 20ª Armata delle guardie rimanendo a far parte della prima linea del Patto di Varsavia fino alla fine della Guerra fredda e al richiamo in patria di tutte le forze militari sovietiche stanziate sul suolo tedesco.

Ordine di battaglia nel 1945[1][modifica | modifica wikitesto]

Ordine di battaglia attuale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2018, l'Armata, rinominata 20ª Armata di forze combinate e inquadrata nel Distretto Militare Occidentale, comprende le seguenti unità[2]:

  • 3ª Divisione fucilieri motorizzata, base Bogučar
    • 752º Reggimento fucilieri motorizzato, base Valujki - 1 battaglione equipaggiato con 31 T-72BA
    • 252º Reggimento fucilieri motorizzato, base Bogučar - 1 battaglione equipaggiato con 31 T-72B3
    • 237º Reggimento carri delle guardie, base Valujki - 3 battaglioni equipaggiati ciascuno con 31 T-72B
    • 99º Reggimento artiglieria semovente, base Bogučar
    • 1143º Reggimento missili antiaerei, base Oblast' di Belgorod
    • 84º Battaglione autonomo ricognizione (Specnaz), base Valujki
    • 337º Battaglione autonomo genio, base Bogučar
    • 692º Battaglione autonomo comunicazioni, base Valujki
    • 911º Battaglione autonomo logistica, base Bogučar
  • 144ª Divisione fucilieri motorizzata, base El'nja
    • 488º reggimento fucilieri motorizzato, base Klincy - 1 battaglione equipaggiato con 31 T-72B3
    • 182º reggimento fucilieri motorizzato, base Klincy - 1 battaglione equipaggiato con 31 T-72B3
    • 228º reggimento carri delle guardie, base El'nja - 3 battaglioni equipaggiati ciascuno con 31 T-72B
    • 856º Reggimento artiglieria semovente, base Počep
    • 1259º Reggimento missili antiaerei
    • 1281º Battaglione autonomo anticarro, base El'nja
    • 148° Battalione autonomo ricognizione (Specnaz), base Smolensk
    • 686° Battalione autonomo comunicazioni, base Smolensk
    • 295° Battalione autonomo logistica, base Smolensk
  • 448ª Brigata missili, base Kursk
  • 9ª Brigata comando, base Voronež

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ C. C. Sharp, The Soviet Order of battle World War II, vol. III: Red Storm, p. 95.
  2. ^ Russian Ground Forces, ISW 2018

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • P. Carell - Terra bruciata, Rizzoli 2000.
  • J. Erickson - The road to Stalingrad, Cassel 1975.
  • J. Erickson - The road to Berlin, Cassel 1983.
  • D. Glantz - La grande guerra patriottica dell'Armata Rossa, LEG edizioni 2010
  • C. C. Sharp - The Soviet Order of battle, volume II e III, publ. G. F. Nafziger 1995.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Seconda guerra mondiale: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della seconda guerra mondiale