1º Reggimento d'assalto "Amedeo d'Aosta"

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
1º Reggimento d'assalto "Amedeo d'Aosta"
Descrizione generale
Attiva1942-1943
NazioneItalia Italia
ServizioLesser coat of arms of the Kingdom of Italy (1929-1943).svg Regia Aeronautica
Tiporeparto speciale
Ruoloparacadutisti
DimensioneReggimento
SedeTarquinia
Comandanti
colonnello pilotaDonatello Gabrieli
Voci su forze aeree presenti su Wikipedia

Il 1º Reggimento d'assalto "Amedeo d'Aosta" fu un reggimento di paracadutisti della Regia Aeronautica.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il "1º Battaglione paracadutisti Regia Aeronautica" è costituito il 12 maggio 1942 a Tarquinia, su quattro compagnie, con comandante il ten. col. Edvino Dalmas. Il 10 giugno dello stesso anno viene costituito all'aeroporto di Cameri il Battaglione Riattatori "Loreto", c9mandante il tenente colonnello Salvatore Scovenna, con due compagnie di fucilieri e due di mitraglieri, per la difesa terrestre degli aeroporti. Sempre a Cameri fu costituito il Nucleo Aliantisti da sbarco, al comando del tenente colonnello Adolfo Contoli. Il 1º Battaglione si sposta ad Arezzo, mentre il Loreto viene trasferito a Marsala, in attesa dell'attacco a Malta.

Annullata l'operazione, il 16 novembre 1942 con i due battaglioni viene costituito il Reggimento d'assalto della Regia Aeronautica "Duca d'Aosta", con il Comando di Reggimento nella cittadina siciliana, in onore del generale dell'aeronautica Amedeo d'Aosta[1], con al comando il colonnello pilota Donatello Gabrielli, già bersagliere nella prima guerra mondiale.

Intanto il 28 luglio 1942 lo stato maggiore della Regia Aeronautica aveva deciso l'avvio di un corso di arditi paracadutisti a Tarquinia, per la creazione di un reparto di forze speciali denominato "Arditi distruttori della Regia Aeronautica" (ADRA), per condurre operazioni in territorio nemico[2]. Operativo dal febbraio 1943, con la consistenza di un battaglione, viene assegnato al 1º Reggimento d'assalto, salvo poi divenire autonomo nell'aprile 1943, sotto le dirette dipendenze dello stato maggiore.

Alla fine del 1942 il 1º battaglione è inviato da Arezzo in Tunisia e il "Loreto" lo raggiunge all'inizio del 1943, dove difenderanno in duri scontri le posizioni dell'Asse fino al maggio 1943. Il 1º luglio il 1º Reggimento d'assalto "Amedeo d'Aosta" viene posto in posizione quadro.[3]

Il tenente colonnello Dalmas, che era passato al comando dell'ADRA, dopo l'8 settembre 1943 aderì alla RSI e costituì a Tradate il Raggruppamento arditi paracadutisti dell'Aeronautica Repubblicana.[4]

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

  • 1º Battaglione paracadutisti
  • Battaglione riattatori "Loreto"
  • Battaglione ADRA (fino ad aprile 1943)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Piero Crociani, Pier Paolo Battistelli,Italian Navy & Air Force Elite Units & Special Forces 1940–45, 2013, Osprey Publishing
  2. ^ www.aeronautica.difesa.it
  3. ^ I reparti speciali della Regia Aeronautica durante la Seconda guerra mondiale (PDF), su avia-it.com. URL consultato il 6 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 16 agosto 2016).
  4. ^ www.mymilitaria.it, su mymilitaria.it. URL consultato il 7 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 18 novembre 2017).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]