Zinco piritione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Zinco piritione
formula di struttura
struttura 3D
Nome IUPAC
Bis(2-piridiltio)zinco 1,1'-diossido
Nomi alternativi
ZPT
ZnP
Sale di 2-Mercaptopiridina N-ossido zinco
Zinco Omadine
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C10H8N2O2S2Zn
Massa molecolare (u) 317,70
Aspetto solido bianco
Numero CAS [13463-41-7]
PubChem 26041
Proprietà chimico-fisiche
Solubilità in acqua insolubile
Temperatura di fusione 240-250 °C (513,15-523,15 K) con decomposizione
Proprietà tossicologiche
LD50 (mg/kg) 177 (ratto, orale)
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
tossicità acuta corrosivo pericoloso per l'ambiente

pericolo

Frasi H 301 - 310 - 315 - 318 - 330 - 335 - 400
Consigli P 260 - 273 - 280 - 284 - 302+350 - 305+351+338 [1]

Lo zinco piritione è un composto di coordinazione dello zinco in cui gli ioni Zn2+ sono coordinati dagli atomi di ossigeno e di zolfo del ligando piritione. Descritto per la prima volta durante gli anni 1930,[2] trova utilizzo come agente antimicotico e antibatterico.

Usi[modifica | modifica sorgente]

Viene utilizzato nel trattamento della forfora e delle dermatiti seborroiche. Altre applicazioni includono il trattamento della psoriasi, dell'eczema, della tigna, del piede d'atleta, dell'impetigine e della infezioni cutanee da stafilococco.[3][2] Trova utilizzo anche in vernici e altri prodotti che forniscono protezione contro la muffa e le alghe.

Il meccanismo di azione antimicotica ipotizzato consiste nella distruzione del trasporto di membrana dovuto a blocco della pompa protonica.[4] Esperimenti hanno suggerito che i miceti sono in grado di inattivare il piritione a basse concentrazioni.[5]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Scheda dello zinco piritione su Sigma-Aldrich
  2. ^ a b (EN) What Is Zinc Pyrithione?
  3. ^ (EN) Pyrithione Zinc Uses
  4. ^ Chandler CJ, Segel IH, Mechanism of the antimicrobial action of pyrithione: effects on membrane transport, ATP levels, and protein synthesis in Antimicrob. Agents Chemother., vol. 14, nº 1, 1978, pp. 60–8, DOI:10.1128/AAC., PMC 352405, PMID 28693.
  5. ^ Chandler CJ, Segel IH, Mechanism of the antimicrobial action of pyrithione: effects on membrane transport, ATP levels, and protein synthesis in Antimicrob. Agents Chemother., vol. 14, nº 1, 1978, p. 1, PMC 352405, PMID 28693.
    «At “low” pyrithione concentrations, transport inhibition plateaued at some finite value. This observation suggests that the fungi can detoxify low levels of the inhibitor.».