Waverley (romanzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Waverley
Titolo originale Waverley
Altri titoli Tartan contro Abiti Rossi[1]
Walter Scott Waverley illustration (Pettie-Huth).jpg
Autore Walter Scott
1ª ed. originale 1814
Genere romanzo
Sottogenere storico
Lingua originale inglese
Seguito da Guy Mannering

Waverley è un romanzo storico di Walter Scott pubblicato nel 1814. È considerato il capostipite del romanzo storico.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Waverley è un nobile inglese che, a seguito dell'arruolamento nell’esercito e trovandosi di stanza nel nord del paese, decide di recarsi da un amico del padre scomparso. Grazie a quest'incontro, egli ha l'opportunità di entrare in contatto con quella che per lui è una cultura totalmente sconosciuta, quella scozzese. In particolare, grazie ad alcuni negoziati che svolge a causa di un furto di bestiame, egli ha l’opportunità di conoscere i membri di un clan, assieme ai quali trascorre un lungo periodo. Inizialmente tutto ciò che osserva risulta incomprensibile ai suoi occhi, ma, pian piano, egli comincia a comprendere a fondo quelle che sono le abitudini quotidiane, le gioie ed i dolori, nonché le idee politiche di quelle persone.

La famiglia d’origine di Waverley era da sempre sostenitrice degli Stuart; nel momento in cui scoppia la rivolta a sostegno del loro reinsediamento, Waverley decide di prendervi parte, scendendo in campo a fianco dei clan. Durante i primi scontri, un soldato inglese (originario del feudo di Waverley) rimane ferito: Waverley decide di soccorrerlo, anche grazie al sostegno dei suoi nuovi compagni.

La battaglia sarà una vera e propria disfatta per gli scozzesi e segnerà la fine dei tentativi di restaurazione dei discendenti degli Stuart sul trono inglese; il capo della rivolta Vich Jan Vohr ed il suo fedele compagno Evan Dhu vengono condannati a morte; altri ribelli ricevono punizioni esemplari. Per quel che concerne Waverley, egli decide di fare ritorno a casa: sarà l’ufficiale che aveva salvato durante la battaglia ad aiutarlo ad "aggiustare i conti" con gli Hannover.

Analisi[modifica | modifica wikitesto]

L'aspetto folcloristico è esaltato ai massimi livelli in Waverley: questo romanzo racchiude in sé la globalità degli aspetti tipicamente scozzesi. Scott li sfrutta a pieno: kilt, tartan, cornamuse restano i protagonisti indiscussi; addirittura Waverley subirà quasi una sorta di "iniziazione" alla tradizione nel momento in cui indosserà anche lui il costume del clan cui si era associato per la battaglia.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • trad. Virginio Soncini, Waverly o sia La Scozia sessant'anni addietro, 4 voll., Rusconi, Napoli, 1829
  • trad. Corrado Alvaro, Waverley, Arnoldo Mondadori Editore, Milano, 1934
  • trad. Micaela di Langosco, Waverly. Un racconto dei tempi passati, Edizioni Paoline, Roma, 1969

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda catalogo SBN. URL consultato il 18-10-2011.
letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura