Valuta di riserva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Una valuta di riserva (o valuta dell'ancoraggio) è una valuta che è tenuta nelle quantità significative da molti governi e nelle istituzioni come componente delle loro riserve di divise estere. Inoltre tende ad essere la valuta di valutazione internazionale per i prodotti commerciati su un mercato globale, quali petrolio, oro, ecc.

Il dollaro USA è stato per 50 anni valuta di riserva mondiale. Gli accordi di Bretton Woods imposero che qualsiasi Paese accettase il cambio della propria moneta con i dollari, e che il dollaro fosse l'unica moneta obbligatoria delle transazioni internazionali, bilaterali o multilaterali (es. una Borsa Valori), commerciali (acquisto di materie prime e/o prodotti finiti) e finanziarie.

Ciò consente il paese di pubblicazione di comprare i prodotti ad un tasso marginalmente meno costoso che altre nazioni, che devono scambiare la loro valuta con ogni acquisto e pagare un costo di transazione. (Per le valute importanti, questo costo di transazione è trascurabile riguardo al prezzo del prodotto.) inoltre consente il governo che pubblica la valuta per prendere in prestito i soldi ad un tasso migliore, poiché ci sarà sempre un più grande mercato per quella valuta che altre.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]