Valuta di riserva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Una valuta di riserva (o valuta dell'ancoraggio) è una valuta che è tenuta nelle quantità significative da molti governi e nelle istituzioni come componente delle loro riserve di divise estere. Inoltre tende ad essere la valuta di valutazione internazionale per i prodotti commerciati su un mercato globale, quali petrolio, oro, ecc.

Il dollaro USA è stato per 50 anni valuta di riserva mondiale. Gli accordi di Bretton Woods imposero che qualsiasi Paese accettase il cambio della propria moneta con i dollari, e che il dollaro fosse l'unica moneta obbligatoria delle transazioni internazionali, bilaterali o multilaterali (es. una Borsa Valori), commerciali (acquisto di materie prime e/o prodotti finiti) e finanziarie.

Ciò consente al paese di pubblicazione di comprare beni ad un tasso marginalmente più basso rispetto alle altre nazioni, doventi pagare ad ogni scambio commerciale dei costi di transazione per cambiare la loro valuta in quella richiesta per il pagamento. Ciò consente inoltre, al paese pubblicante la valuta internazionale, di prendere a prestito somme di denaro ad un tasso d'interesse più conveniente, grazie alla capillare presenza della valuta stessa in più mercati finanziari.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]