USS John F. Kennedy (CVN-79)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
USS John F. Kennedy (CVN-79)
Ricostruzione al computer della portaerei
Ricostruzione al computer della portaerei
Descrizione generale
Flag of the United States.svg
Tipo superportaerei
Classe Gerald R. Ford
Numero unità 2a unità di 10 previste
Identificazione CVN-79
Costruttori Northrop Grumman Shipbuilding
Cantiere di Newport News
Caratteristiche generali
Dislocamento pieno carico: da 104.000
Stazza lorda 101.000 tsl
Lunghezza linea di galleggiamento: 320
globale: 337 m
Larghezza linea di galleggiamento:41
globale: 78 m
Propulsione 2 reattori nucleari A1B
Velocità Più di 30 nodi  (Più di 55,56 km/h)
Autonomia Limitata principalmente dalle riserve alimentari imbarcate
Armamento
Mezzi aerei Più di 75

[senza fonte]

voci di navi presenti su Wikipedia

La USS John F. Kennedy (CVN-79) sarà la seconda imbarcazione della Classe Gerald R. Ford, dopo la CVN-78. Vi sono poche indiscrezioni intorno a questa portaerei a parte il nome[1]. Indicativamente, dovrebbe vedere il mare nel 2018/2019. Userà i nuovi reattori nucleari A1B. Dovrebbe sostituire la USS Nimitz (CVN-68), assumendo che la CVN-78 sostituirà la USS Enterprise (CVN-65) e che la USS Nimitz (CVN-68) è la prima delle portaerei della classe Nimitz ed è stata varata nel 1972.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il 30 maggio 2011 è stato decretato che la portaerei si chiamerà in onore del 35º presidente statunitense John F. Kennedy

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]