Tzigana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tzigana
Bitter Sweet - Title.jpg
Titolo originale Bitter Sweet
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1940
Durata 92 min
Colore Technicolor
Audio Mono (Western Electric Sound System)

Douglas Shearer

Rapporto 1.37 : 1
Genere drammatico
Regia W.S. Van Dyke II
Soggetto dalla commedia di Noel Coward
Sceneggiatura Lesser Samuels
Produttore Victor Saville
Casa di produzione Metro-Goldwyn-Mayer (MGM)
Fotografia Oliver T. Marsh

Allen M. Davey (fotografia in technicolor)

Montaggio Harold F. Kress
Scenografia Cedric Gibbons e (associato) John S. Detlie

Edwin B. Willis (arredamenti)

Costumi Adrian

Gile Steele (costumi maschili)

Trucco Jack Dawn

Sydney Guilaroff (hair stylist: Miss MacDonald)

Interpreti e personaggi

Tzigana (Bitter Sweet) è un film del 1940 diretto da W.S. Van Dyke II.

Oliver T. Marsh e Allen Davey furono candidati all'Oscar alla migliore fotografia a colori vinto quell'anno da George Perinal per Il ladro di Bagdad. Per la scenografia di un film a colori, vennero candidati all'Oscar Cedric Gibbons e John S. Detlie.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Jeanette MacDonald-1.JPG

Innamorata di Carl Linden, il suo insegnante di musica, Sarah Millick scappa con lui per non dover sposare il fidanzato Harry Daventry. A Vienna, i due novelli sposi vanno ad abitare in una mansarda, accolti dagli amici Max ed Ernst e da mamma Luden. Carl, che è un compositore, lavora a un'operetta, ma deve affrontare insieme alla moglie una difficile situazione finanziaria. Per mangiare, il gruppo di amici si trasforma in un gruppo di musicisti di strada. Un giorno, in una via di Baden, Sarah attira l'attenzione di Lord Shayne ma anche quella del lascivo barone von Tranisch che procura alla giovane un lavoro allo Schlick's Cafe. Sarah ben presto scopre chi è il suo benefattore quando lui viene a "riscuotere" il compenso. La giovane donna lascia il suo lavoro ma Lord Shayne fa sentire all'impresario Wyler l'operetta di Carl. Quando il barone, ubriaco, cerca di aggredire Sarah, Carl lo sfida a duello ma resta ucciso.

Carl è morto ma continua a vivere nella sua musica: Wyler mette in scena a Vienna l'operetta di cui Sarah sarà protagonista.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu prodotto dalla Metro-Goldwyn-Mayer (MGM). Venne girato nei Metro-Goldwyn-Mayer Studios al 10202 di W. Washington Blvd., a Culver City[1].

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

  • Polka (1929)
    • scritta da Noel Coward
    • eseguita alla festa e danzata dagli ospiti
  • If You Could Only Come With Me (1929)
    • scritta da Noel Coward
    • cantata da Jeanette MacDonald e Nelson Eddy
  • What Is Love (1929)
    • scritta da Noel Coward
    • cantata da Jeanette MacDonald e Nelson Eddy
    • ripresa da Schlick's
  • Kiss Me (1929)
    • scritta da Noel Coward
    • cantata da Jeanette MacDonald e Nelson Eddy
  • Tokay (1929)
    • scritta da Noel Coward
    • cantata da Nelson Eddy e dai padroni del caffè
  • Love In Any Language (1929)
    • scritta da Noel Coward
    • cantata da Jeanette MacDonald al caffè, doppiata parzialmente da Harriet Lee
  • Dear Little Cafe (1929)
    • Parole e musica di Noel Coward con parole addizionali di Gus Kahn
    • cantata da Jeanette MacDonald e Nelson Eddy (ripresa da Jeanette MacDonald)
  • Ladies Of The Town (1929)
    • scritta da Noel Coward e Gus Kahn
    • cantata da Jeanette MacDonald e due cantanti
  • Zigeuner
    • scritta da Noel Coward
    • cantata da Jeanette MacDonald nel finale dell'operetta

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Distribuito dalla Metro-Goldwyn-Mayer (MGM), il film venne proiettato in pubblico negli Stati Uniti l'8 novembre 1940, mentre il 14 luglio 1941 uscì nelle sale del Regno Unito[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ IMDb Locations
  2. ^ IMDb release info

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) John Douglas Eames, The MGM Story Octopus Book Limited, Londra 1975 ISBN 0-904230-14-7
  • (EN) Alan Warner's Who Sang What on the Screen, Angus & Robertson Publishers, 1984 ISBN 0-207-14869-4

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema