Tumori delle ossa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Tumori ossei
Osteosarcoma - high mag.jpg
Osteosarcoma, tumore primitivo maligno delle ossa
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 170.9
ICD-10 (EN) C40 C41

I tumori delle ossa comprendono almeno 50 varietà diverse di tumori maligni e benigni.

Epidemiologia[modifica | modifica sorgente]

Il picco d'incidenza si trova nell'età giovanile, tra i 10 e i 25 anni.

Le principali malattie tumorali[modifica | modifica sorgente]

Tumori benigni[modifica | modifica sorgente]

Alcuni di essi nascono come neoplasie benigne ma possono evolversi nella forma più pericolosa:

Tumori maligni[modifica | modifica sorgente]

  • Condrosarcoma: dovuto all'incontrollata proliferazione di tessuto di tipo cartilagineo all'interno di un osso.
  • Osteosarcoma: altamente maligno, costituito da tessuto osseo gravemente alterato, a crescita rapida, tendente a infiltrare rapidamente i tessuti vicini e a dare metastasi a distanza; è il tumore osseo più comune; dotato di spiccata malignità, colpisce per lo più fra i 10 e i 20 anni, con notevole tendenza alla metastatizzazione, specialmente ai polmoni. I primi sintomi, come tutti i tumori del gruppo, sono dolore e tumefazione, in più della metà dei casi al ginocchio. La diagnosi si basa sulla radiografia e sull'imaging a risonanza magnetica (MRI). Le recenti strategie terapeutiche, basate sulla chemioterapia preoperatoria e postoperatoria e su una chirurgia più conservativa ma più efficace, ha portato a un miglioramento della sopravvivenza globale che oggi si può fissare intorno al 50% a 10 anni dalla diagnosi.
  • Sarcoma di Ewing: altamente maligno, deriva dalla proliferazione di cellule del midollo osseo.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina