Condrosarcoma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.
Condrosarcoma
Chondrosarcoma (1).jpg
Immagine istopatologica di un condrosarcoma
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 170.9

Il condrosarcoma è un raro tumore maligno dell'osso che origina dal tessuto cartilagineo. Il sintomo più comune dell'affezione è rappresentato dal dolore. I condrosarcomi primari insorgono da un piccolo gruppo di cellule cartilaginee; i secondari si sviluppano lentamente da un precedente tumore benigno della cartilagine. Il tumore può in taluni casi metastatizzare ai polmoni. Una forma estremamente rara di condrosarcoma può emergere come tumore primario in tessuti molli, senza coinvolgimento dell'osso.
Le persone di mezz'età e gli anziani rappresentano la popolazione più frequentemente colpita. La neoplasia è due volte più comune nei maschi rispetto alle femmine. Il trattamento annovera la rimozione chirurgica del tumore.[1]


Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

Venne identificata come entità distinta dalla commissione del registro dei sarcoma ossei dell'American College of Surgeons poco dopo il 1930[2]

Sintomatologia[modifica | modifica sorgente]

Le manifestazioni cliniche si manifestano lentamente, fra essi si mostrano per lo più dolore e tumefazione.

Esami diagnostici e terapie[modifica | modifica sorgente]

Per i fini diagnostici la radiografia risulta indispensabile, nel vederla la lesione provocata dal condrosarcoma può sembrare lobulare con un qualche tipo di calcificazione che può essere puntata, anulare o screziata.

I condrosarcomi nelle radiografie appaiono molto simili a tumori benigni delle cartilagini, ma alcuni segni come la crescita progressiva del tumore e la presenza di flogosi fanno comprendere che l’individuo coinvolto sia di fronte ad un tumore maligno.

Resistendo all’uso della chemioterapia, l’unica azione da intraprendere resta la chirurgia.

Prognosi[modifica | modifica sorgente]

La prognosi dipende dalla velocità di diagnosi della corretta forma di neoplasia, per le forme meno aggressive circa il 90% delle persone sopravvive più di 5 anni dall'avvenuta diagnosi, per le più aggressive, invece, solo un quarto. In generale la guarigione avviene nel 30-40% dei casi.[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Cfr. Encyclopedia Britannica Online (2009). Chondrosarcoma URL consultato il 10/09/2009.
    Vedi anche la definizione fornita dall'utente Cecco nella pagina di discussione della voce.
  2. ^ Ewing, J., A review of the dassification of bone tumors. Surg., Gynec. & Obst in J Otolaryngol Head Neck Surg., n. 68, I939, p. 973.
  3. ^ Gianni Bonadonna, Gioacchino Robustelli Della Cuna, Pinuccia Valgussa, Medicina oncologica (8ª edizione) p.1351, Milano, Elsevier Masson, 2007. ISBN 978-88-214-2814-2.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Gianni Bonadonna, Gioacchino Robustelli Della Cuna, Pinuccia Valgussa, Medicina oncologica (8ª edizione), Milano, Elsevier Masson, 2007. ISBN 978-88-214-2814-2.
medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina