Triangolo di Penrose

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il triangolo di Penrose
Scultura del Triangolo Impossibile, East Perth, Australia. La struttura in effetti non è composta di un pezzo solo, ed è stata fotografata da uno dei due punti dai quali è stata progettata per dar luogo all'effetto.
Left alt text Center alt text Right alt text
Scultura del Triangolo Impossibile, fotografata da più punti di vista.

Il triangolo di Penrose o triangolo impossibile è un oggetto impossibile, ovvero può esistere solamente come rappresentazione bidimensionale e non può essere costruito nello spazio, poiché presenta una sovrapposizione impossibile di linee parallele con differenti costruzioni prospettiche. Appare come un solido costituito da tre prismi a base quadra uniti tra loro con tre angoli retti a formare un triangolo. Ricordiamo che in geometria euclidea la somma degli angoli interni non può essere superiore a 180° e quindi non può esserci più di un angolo retto.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Fu creato dall'artista svedese Oscar Reutersvärd nel 1934 e indipendentemente inventato e reso popolare dal matematico Roger Penrose in un articolo del febbraio 1958,[1][2] dove lo descriveva come l'impossibile nella sua forma pura.

Il triangolo di Penrose influenzò l'artista olandese M. C. Escher, nelle cui opere apparve l'interesse per gli oggetti impossibili. In particolare nella litografia Wasserfall ("La cascata", ottobre 1961) è rappresentato un corso d'acqua a zigzag che fa parte di due triangoli di Penrose allungati, tali che la parte finale del canale sia posta ad una quota più alta dell'inizio e si formi una cascata in grado di azionare una ruota idraulica. Escher ha ironicamente fatto notare che occorre aggiungere periodicamente acqua per compensare l'evaporazione!

Il concetto alla base del triangolo di Penrose può essere esteso a poligoni con più lati, come il quadrato di Penrose, ma l'effetto è meno spettacolare. Un esempio è il logo della Renault.

È possibile costruire nella realtà un oggetto che sembri un triangolo di Penrose. Questo oggetto deve avere una curvatura oppure essere aperto, e l'illusione ottica di un triangolo chiuso si ha solo guardandolo da un preciso punto di vista.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Il triangolo di Penrose compare sulla copertina dell'edizione italiana del libro L'illusione di Dio di Richard Dawkins, a significare, secondo l'opinione dell'autore, che Dio non esiste, anche se di esso si può discutere e si può credere alla sua esistenza.

Compare anche sulla copertina dell'edizione italiana del libro Gödel, Escher, Bach - Un'eterna ghirlanda brillante di Douglas Hofstadter.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) L.S. Penrose, R. Penrose, Impossible objects: a special type of visual illusion in British Journal of Psychology, vol. 49, 1958, pp. 31–33, DOI:10.1111/j.2044-8295.1958.tb00634.x.
  2. ^ (EN) Fernand Hallyn, Metaphor and Analogy in the Sciences, New York, Springer, 2000, p. 244. P. 172. ISBN 0-79236-560-7; ISBN 978-07-923-6560-0.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Psicologia Portale Psicologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Psicologia