Surendranath Dasgupta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Surendranath Dasgupta

Surendranath Dasgupta (Distretto di Kushtia, ottobre 1887Lucknow, 18 dicembre 1952) è stato un filosofo indiano.

Nato nel distretto di Kushtia nell'attuale Bangladesh, Surendranath Dasgupta è stato uno fra i personaggi più eminenti del pensiero indiano.[1] Dopo i master in sanscrito e in filosofia presso l'Università di Calcutta, si recò in Inghilterra dove si addottorò in filosofia presso l'Università di Cambridge.[2]

Il pensiero di Dasgupta è una sintesi originale delle scuole del Vedanta e della dottrina religiosa dello Jainismo con le idee filosofiche dell'evoluzione creatrice e del nuovo realismo.[2]

Nella sua carriera ha tenuto corsi a Cambridge e numerose conferenze sia in America sia in Europa.[1] Ebbe fra i suoi allievi lo storico delle religioni rumeno Mircea Eliade.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Vedi treccani.it.
  2. ^ a b Vedi britannica.com.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • History of Indian philosophy, 5 voll., Cambridge University Press, 1922-1955.
  • Indian Idealism, University Press, 1933.
  • Yoga as Philosophy and Religion, Dover Publications, 1924.
  • Yoga Philosophy in Relation to Other Systems of Indian Thought, Motilal Banarsidass, 1930.
  • Philosophical Essays, Motilal Banarsidass, 1941-1982.
  • Rabindranath: the poet and the philosopher, Mitra & Ghosh, 1948
  • Hindu mysticism.
Il misticismo indiano, Edizioni Mediterranee, 1995.
  • Natural science of the ancient Hindus.
  • Religion and the Rational Outlook.