Stefan Niederseer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stefan Niederseer
Dati biografici
Nazionalità Austria Austria
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Discesa libera, supergigante
Squadra SC Saalbach[1]
Ritirato 1989[1]
Palmarès
Campionati austriaci[2] 1 0 1
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Stefan Niederseer (Saalbach, 29 settembre 1962) è un ex sciatore alpino austriaco.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Specialista delle discipline veloci, Stefan Niederseer esordisce in Coppa del Mondo il 21 dicembre 1980 disputando una discesa libera a Sankt Moritz in Svizzera. I primi risultati di rilievo giungono però dalla Coppa Europa dove si piazza secondo nella classifica di discesa nell'edizione del 1982[3].

Il 19 dicembre 1982 sulle nevi italiane della Val Gardena ottiene i suoi primi punti nel Circo bianco giungendo 13º sulla Saslong, sempre nella sua disciplina preferita. Il 14 febbraio 1985 sul tracciato di casa di Bad Kleinkirchheim conquista l'unico podio di carriera in Coppa del Mondo, un terzo posto in discesa, concludendo alle spalle degli elvetici Karl Alpiger e Peter Müller. Termina l'attività agonistica il 14 marzo 1987 piazzandosi 13º nella libera pre-olimpica disputata a Calgary in Canada.

Coppa del Mondo[modifica | modifica sorgente]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 31º nel 1986
  • 1 podio (in discesa libera):
    • 1 terzo posto

Coppa Europa[modifica | modifica sorgente]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 10º nel 1982[1]
  • 4 podi (tutti in discesa libera)[1]
    • 2 vittorie
    • 1 secondo posto
    • 1 terzo posto

Campionati austriaci[modifica | modifica sorgente]

  • Campione austriaco di discesa libera nel 1985[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d (DE) Österreichischer Skiverband (Federazione austriaca dello sci), Österreichische Skistars von A–Z. Innsbruck 2008, ISBN 978-3-9502285-7-1, pp. 295–296
  2. ^ a b ÖSV-Siegertafel. URL consultato il 17 novembre 2010.
  3. ^ (DE) Risultati della Coppa Europa 1982 su sito austriaco specializzato. URL consultato l'11 novembre 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]