Sportklub Austria Kärnten

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
SK Austria Kärnten
Calcio Football pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px Karnten Black and Gray.svg Bianco-nero-argento
Simboli tre leoni
Dati societari
Città AUT Klagenfurt COA.svg Klagenfurt
Paese Austria Austria
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Austria.svg ÖFB
Fondazione 1946
Scioglimento 2010
Rifondazione 2007
Stadio Wörthersee Stadion
(32 000 posti)
Sito web www.sk-austriakaernten.at
Palmarès
Titoli nazionali 1 Campionato di Erste Liga
1 Campionato di Regionalliga
Si invita a seguire il modello di voce

Lo Sportklub Austria Kärnten, detto semplicemente Austria Kärnten o SK Austria Kelag Kärnten per esigenze sponsorizzative (in italiano Austria Carinzia) fu una società calcistica di Klagenfurt, capoluogo della Carinzia, in Austria, esistita dal 1946 al 2010.

I colori sociali erano il bianco, il nero e l'argento, che caratterizzavano lo stemma sociale sul quale campeggiavano tre leoni. La squadra giocò le partite casalinghe nel Wörthersee Stadion, uno dei quattro impianti austriaci sede di Euro 2008.

La società, che precedentemente aveva sede a Pasching, un sobborgo di Linz, fu trasferita a Klagenfurt nell'estate 2007 dall'ex-presidente Franz Grad assumendo, così, la denominazione definitiva. Fino ad allora era chiamata anche FC Superfund poiché apparteneva alla Superfund Group, un gruppo di investimento con sede a Monaco di Baviera.

Storia[modifica | modifica sorgente]

1946-2000: le serie minori[modifica | modifica sorgente]

Il 15 giugno 1946, nel corso di una riunione al Gasthof Emhofer, alcuni sportivi fondarono l'ATSV Pasching, con colori sociali nero-verdi. Il club assunse la denominazione di Arbeitsgemeinschaft für Sport und Körperkultur in Österreich Pasching solo nel 1986. Fino agli anni novanta i neroverdi avevano militato solo nelle categorie minori del calcio regionale, nel 1990-1991 furono promossi in Bezirksliga e, nel 1992-1993, raggiunsero la 2. Landesliga, all'epoca quarta divisione nazionale. Nel 1993-1994 il campionato fu riformato, e la 2. Landesliga divenne il quinto livello, ma già nel 1997-1998 il Pasching ottenne la promozione in 1. Landesliga, il massimo torneo organizzato dalla Oberösterreichischer Fußballverband e l'anno seguente approdò addirittura in Regionalliga, la terza serie.

La scalata era stata vertiginosa, ma non finì qui. Nel 1999-2000 il club arrivò fino alle semifinali di ÖFB-Cup, superando squadre del calibro di Tirol Innsbruck e Sturm Graz (rispettivamente campione e vice-campione d'Austria in quella stagione).

Artefice di questa impresa fu in buona parte l'allenatore Georg Zellhofer, al club dal 1996 al 2005.

2000-2007: il Pasching ai vertici nazionali[modifica | modifica sorgente]

Nel 2000-2001 i neroverdi conquistano il titolo di Regionalliga Mitte, precedendo di cinque punti il Kapfenberg e salgono per la prima volta tra i professionisti, in Erste Liga. All'esordio (2001-2002) il Pasching raggiunge il massimo risultato, vincendo il campionato dopo un lungo duello con l'Austria Lustenau e raggiungendo, con due promozioni consecutive, la Bundesliga.

Qui, all'esordio nella massima serie nel 2002-2003, dopo aver a lungo occupato la seconda piazza, il Pasching conclude al 5º posto, qualificandosi così per la Coppa Intertoto del 2003. Superando WIT Georgia, Pobeda Prilep e Tobol arriva alle semifinali contro il Werder Brema, sconfitto all'andata in Austria (4-0) e bloccato 1-1 al Weserstadion. Giunto in finale, di fronte ad un'altra squadra tedesca, lo Schalke 04, l'avventura del club neroverde si arrestò, con una sconfitta in casa (0-2) e un pareggio fuori (0-0), ma l'impresa rimase una delle più grandi prestazioni del calcio austriaco in Europa fino a quel momento.

Alla fine della stagione 2003-2004 il club si è qualificato per la prima volta alla Coppa UEFA, dove ha fornito un'ulteriore prova di sé sconfiggendo per 3-1 nell'andata del secondo turno preliminare lo Zenit San Pietroburgo, anche se poi a passare il turno furono i russi. Nella stagione successiva è giunto nuovamente al 3º posto in campionato. Dopo la partenza di Zellhofer, passato al Rapid Vienna nell'estate del 2005, sulla panchina del club fu chiamato Dietmar Constantini. Nel 2006 il club sottoscrisse un accordo di sponsorizzazione con l'emittente televisiva privata ATV.

Dopo Constantini arrivo Milan Đuričić e il Pasching conquistò un'altra qualificazione alla Coppa UEFA, dove incontrò anche il Livorno. Ma la storia della piccola società della Bassa Austria era ormai giunta al termine: dopo la stagione 2006-2007 il club fu trasferito a Klagenfurt e gli venne conferita un'identità totalmente nuova.

Nuova identità e fallimento[modifica | modifica sorgente]

Dopo la ridenominazione, lo Sportklub Austria Kärnten è diventato il primo club della Carinzia, anche se nella sua prima stagione (2007-2008) ha ottenuto la salvezza solo nelle ultime partite del campionato. Ma l'imponente impegno finanziario della proprietà ha permesso di allestire comunque una buona rosa. Per il 2008-2009 era stato ingaggiato come allenatore l'ex-attaccante della Nazionale Walter Schachner, ma dati i pessimi risultati ottenuti, il tecnico già campione d'Austria con il Grazer AK è stato sostituito da Frenkie Schinkels, che aveva ottenuto lo stesso risultato con l'Austria Vienna.

Malgrado ciò, al termine della stagione 2009-2010 la squadra è retrocessa in Erste Liga, per la prima volta da quando militava in Bundesliga. Ha comunque raggiunto le semifinali di coppa d'Austria, dopo una vittoria nei quarti sul Rapid Vienna. Ma il 28 maggio 2010, con un comunicato ripreso dal sito ufficiale della lega[1], la società ha annunciato di non poter partecipare ai tornei professionistici per la stagione 2010-2011, scivolando così in Regionalliga.

In seguito al fallimento e all'avvenuta radiazione dai ranghi federali[2], il posto lasciato libero in Regionalliga è stato occupato da una nuova società, che ha ripreso lo storico nome di Austria Klagenfurt[3].

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

2000-2001
2001-2002

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (DE) Endgültig keine Lizenz für SK Austria Kärnten, kleinezeitung.at, 28 maggio 2010. URL consultato il 29 maggio 2013.
  2. ^ (DE) Insolvenzantrag des SK Austria Kärnten wurde stattgegeben!, sk-austriakaernten.at, 14 giugno. URL consultato il 25 agosto 2010.
  3. ^ (DE) Der Anpf iff zur Rettung des Klagenfurter Spitzenfußballes erfolgte am 14. Juni 2010., skaustriaklagenfurt.at, 14 giugno 2010. URL consultato il 25 agosto 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Calcio