Società dei sacerdoti missionari di San Paolo apostolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Isaac T. Hecker, fondatore della congregazione

La Società dei sacerdoti missionari di San Paolo apostolo (in latino Societas Sacerdotum Missionariorum a Sancto Paulo Apostolo) è una società clericale di vita apostolica di diritto pontificio: i sodali della compagnia, detti comunemente paolisti (in inglese Paulist Fathers), pospongono al loro nome la sigla C.S.P.[1]

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

La congregazione venne fondata dal sacerdote statunitense Isaac Thomas Hecker (1819-1888): staccatosi, insieme ad altri quattro religiosi, dalla Congregazione del Santissimo Redentore, il 13 luglio 1929, con l'approvazione dell'arcivescovo John Joseph Hughes, fondò a New York una nuova società con il fine specifico di propagare il cattolicesimo negli Stati Uniti.[2]

La società ricevette il pontificio decreto di lode il 13 luglio 1929 e le sue costituzioni vennero approvate definitivamente dalla Santa Sede il 17 dicembre 1940.[2]

Attività e diffusione[modifica | modifica sorgente]

I sacerdoti missionari di San Paolo si dedicano all'apostolato parrocchiale, alle missioni popolari, all'assistenza spirituale degli studenti universitari e all'evangelizzazione attraverso i mezzi di comunicazione di massa, come la radio, la televisione e la stampa (nel 1865 hanno fondato The Catholic World, la prima rivista cattolica americana).[2]

Sono presenti per la maggior parte negli Stati Uniti, ma anche in Canada, Israele e a Roma, dove officiano la chiesa nazionale americana di Santa Susanna alle terme di Diocleziano.[3]

Al 31 dicembre 2005, la compagnia contava 23 case e 164 membri, 151 dei quali sacerdoti.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Ann. Pont. 2007, p. 1514.
  2. ^ a b c DIP, vol. VIII (1988), coll. 10-12, voce a cura di J. McVann.
  3. ^ Paulist Foundation Locations. Parishes, schools, campus ministries, and more. URL consultato il 14-8-2009.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo