Senofilo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Senofilo di Calcide (in greco antico Ξενόφιλος, traslitterato in Xenòfilo; IV secolo a.C.Atene, ...) è stato un filosofo e musicista greco antico della scuola pitagorica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Originario di Calcide, visse intorno al IV secolo a.C. e fu un filosofo e teorico della musica [1]. Fu maestro di Aristosseno [2] prima che questi divenisse seguace di Aristotele.

Plinio il Vecchio racconta che Senofilo visse senza alcun problema di salute per 105 anni [3] La stessa notizia è riportata dallo scrittore latino Ambrogio Teodosio Macrobio, che lo cita nei Saturnalia indicando Atene come luogo della sua morte [4]

In un aneddoto riportato da Hegel al § 153 nei Principi della filosofia del diritto si racconta che Senofilo alla domanda «Qual è il modo per educare bene il proprio figlio?» rispondesse: «Fallo cittadino di uno Stato dotato di buone leggi». In Diogene Laerzio si legge che fu Aristosseno a porre la domanda e che Senofilo rispondesse: «Tuo figlio sarà educato bene se sarà nato in una città ben governata» a evidenziare che una buona educazione dipende dalla situazione storica contingente. Risposte simili si ritrovano attribuite a altri personaggi tra i quali, secondo Senofonte, Socrate.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Barezzo Barezzi, Il proprinomio historico, geografico, e poetico; in cui per ordine d'alfabeto si pongono quei nomi proprii per qualche singolarita più memorabili...etc, per Stefano Curti, 1694 p.357
  2. ^ Christiane L. Joost-Gaugier, Pitagora e il suo influsso sul pensiero e sull'arte, Edizioni Arkeios, 2008 p.123
  3. ^ Historia naturale di G. Plinio Secondo, tradotta per M. Lodouico Domenichi...ecc., a cyra di Lodovico Domenichi, appresso Giacomo Vidali, 1573 p.213
  4. ^ Giulia Gasparro, Problemi di religione greca ed ellenistica
  5. ^ Jean François Kervégan, Principi della filosofia del diritto, PUF, Paris 1998, p.230

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonio Maddalena. I Pitagorici, G. Laterza, 1954 p. 240

Controllo di autorità VIAF: 24990927