Satratossina-H

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Satratossina-H
Satratoxin-H.png
Nome IUPAC
(2'R,4E,9R,10E,12Z,16R,16aS,18R,19aR,23aR,25R)-6,7,16,16a,19a,22-

hexahydro-25-hydroxy-9-((1S)-1-hydroxyethyl)-16a,21-dimethyl-spiro(5,9,16,18-dimethano- 1H,3H,23H-(1,6,12)trioxacyclooctadecino(3,4-d)(1)benzopyran-17(18H)-2'-oxirane)- 3,14(9H)-dione

Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C29H36O9
Massa molecolare (u) 528,591
Numero CAS [53126-64-0]
PubChem 6438478
Proprietà tossicologiche
LD50 (mg/kg) in ratto 1 - 1,4 mg/kg

La Satratossina-H è una micotossina tricotecene prodotta dalla muffa Stachybotrys chartarum ed è tossica sia per gli esseri umani che per gli animali, cagionando un quadro clinico conosciuto sotto il nome di Stachybotrotossicosi.

Proprietà[modifica | modifica wikitesto]

La Satratossina-H è pressoché insolubile in acqua, ma è facilmente solubile in alcooli e solventi polari come etanolo, metanolo, isopropanolo, acetone e cloroformio.

Effetti[modifica | modifica wikitesto]

La Satratossina-H è estremamente versatile. L'ingestione, l'inalazione o qualsiasi altro tipo di contatto genera sintomi quali:

  • Rash cutaneo e dermatite
  • Epistassi
  • Dolore toracico
  • Emorragia polmonare (sanguinamento nei polmoni)
  • Ipertermia (aumento della temperatura)
  • Mal di testa
  • Affaticamento

In ogni caso, se consumata in grandi quantità può essere letale.

Questa tossina ha scarso effetto sulla pelle nuda, tuttavia, su superfici sensibili (occhi, interno della bocca o dal naso), può irritare la pelle o causare un rash cutaneo.

SMILES[modifica | modifica wikitesto]

CC1=CC2C3(CC1)COC(=O)C=C4CCOC(C4O)(C=CC=CC(=O)OC5C3(C6(CO6)C(C5)O2)C)C(C)O

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Croft. W.A., Jarvis, B.B., and Yatawara, C.S. 1986. Airborne outbreak of trichothocene toxicosis. Atmos. Environ. 20:549-552.
  • Effects of Intranasal Exposure to Spores of Stachybotrys atrain Mice*1, Fundamental and Applied Toxicology, Volume 35, Issue 2, February 1997, Pages 182-188 Marjo Nikulin, Kari Reijula, Bruce B. Jarvis, Pirjo Veijalainen and Eeva-Liisa Hintikka

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia