Roberto Regazzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Roberto Regazzi

Roberto Regazzi (Bologna, 20 agosto 1956) è un liutaio italiano.

Eccellente costruttore di violini, viole e violoncelli,[1] studioso, collezionista ed editore (attraverso la casa editrice "Florenus"), tuttora attivo a Bologna.

Ha iniziato l'attività negli anni settanta presso il laboratorio del liutaio Otello Bignami, per poi perfezionarsi su modelli classici e bolognesi. Per le chitarre si è perfezionato con Alan Wilcox.

È stato presidente della "Associazione Europea Maestri Liutai e Archettai", membro della "Violin Society of America", socio fondatore e presidente del "Gruppo Liuteria Bolognese" e membro del direttivo della "Associazione Liutaria Italiana" nel Gruppo "Liutai e Archettai professionisti", di cui è stato anche vicepresidente.[2]

Musicisti[modifica | modifica sorgente]

Molti sono i musicisti che suonano e possiedono o hanno commissionato strumenti da lui costruiti, come Giovanni Adamo, Boris Belkin, Riccardo Brengola, Salvatore Greco, Franco Gulli, Domenico Marco, Franco Mezzena, Luca Morassutti, Anne-Sophie Mutter, Roberto Nigro, Domenico Nordio, Joaquín Palomares, Antoine Pfister, Ruggiero Ricci, Harvey de Souza, Chikashi Tanaka, Uto Ughi, Bruno Zanella, Silviu Dima ed altri. Per l'edizione integrale dell'opera completa di Beethoven per violino e pianoforte, che il violinista Franco Mezzena ha registrato con il pianista Stefano Giavazzi, per l'etichetta Wide Classique (cofanetto di quattro CD), è stato utilizzato uno strumento costruito da Roberto Regazzi nel 1998. Con lo stesso violino, Franco Mezzena ha registrato un altro CD, sempre per Wide Classique, che comprende "Le 4 Stagioni" di Vivaldi e due concerti da "L'Estro Armonico".

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Pubblicazioni[modifica | modifica sorgente]

  • In occasione del 250º anniversario della morte di Antonio Stradivari per onorare la figura di Giuseppe Fiorini, Bazzano 1987
  • Ricordo di Ansaldo Poggi - In remembrance of Ansaldo Poggi, Bologna 1994. ISBN 88-85250-04-1
  • The Complete Luthier's Library, Bologna, Florenus 1990. ISBN 88-85250-01-7
  • Il Manoscritto Liutario di Giovanni Antonio Marchi - The Manuscript on Violin Making by G.A. Marchi - Bologna 1786, Bologna 1986

Contributi[modifica | modifica sorgente]

  • Vita da Artista, Note su Otello Bignami Liutaio in Bologna 1914-1989 - A Life of Artistry, Sketches of Otello Bignami violin maker in Bologna 1914-1989, con Roberto Verti, Adriano Cavicchi e Giovanna Benzi, Bologna 1991. ISBN 88-85250-03-3
  • Otello Bignami Liutaio in Bologna - Violinmaker in Bologna, con Wilma e William Bignami, Mariarosa Pollastri, Bruno Stefanini, Loretta Ghelfi e Paola Malaguti, Cremona 1998
  • Classica fabbricazione di violini in Piemonte - Classic Violin-making in Piedmonte, Bologna 1991
  • http://www.artigianatoartistico.com/Fiorini2011/pubblicazioni.htm (2011)
  • Le Radici del Successo della Liuteria a Bologna - Lutherie in Bologna: Roots & Success, con Sandro Pasqual, Bologna 1998. ISBN 88-85250-05-X
  • Il Legno Magico - The Magic of Wood, intervistato da Linda Johnston, con Rudolf Koelman Bologna-Genova, Dynamic 2005, in italiano, inglese, francese, tedesco e giapponese. ISBN 88-85250-07-6
  • Il Suono di Bologna, Da Raffaele Fiorini ai grandi maestri del Novecento - The Sound of Bologna, Bolognese Violin Making between the 1800s and 1900s. Catalogo della Mostra a San Giorgio in Poggiale, Bologna, Dicembre 2002, con William Bignami, Gabriele Carletti, Alberto Giordano, Giancarlo Guicciardi, Sandro Pasqual, Mariarosa Pollastri, Duane Rosengard, Pietro Trimboli e Alessandro Urso. Bologna-Cremona 2002. ISBN 88-85250-06-8
  • Acoustics as seen from a violinmaker's point of view through the ages, in 17th International Congress of Acoustics 2001.
  • Three Centuries of Violin-making in Bologna - Concert-Exhibition 1993.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Gruppo Liutai e Archettai Professionisti; ALI, Associazione Liutaria Italiana. Cremona 1994; pp 76–77.
  • Arte Italiana per il Mondo, Centro Librario Italiano. Torino 1986. Vol XI, pp 7768–7769.
  • Drescher Thomas, Die Geigen und Lautenmacher vom Mittelalter bis zur Gegenwart, Schneider, Tutzig 1990, p 502. ISBN 3-7952-0616-2
  • The Legacy of Cremona - Ruggiero Ricci plays eighteen contemporary violins, with a preface by Roger Hargrave.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ È altresì noto come liutaio di chitarre classiche di qualità, avendo sempre usato materiali di pregio (vedi Bibliografia - Arte Italiana per il Mondo)
  2. ^ Dell'"Associazione Liutaria Italiana" non fa più parte
  3. ^ Riconoscimenti all'Imprenditoria Bolognese: Maestro dell'Artigianato, Cavaliere del Commercio, Console dell'Economia, Ambasciatore dell'Economia nel Mondo, CCIAA Bologna 2006
  4. ^ con Morricone e Bacalov, Expo 2010

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 4980494