Richard Steele

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Richard Steele

Richard Steele (Dublino, 12 marzo 1672Camarthen, 1º settembre 1729) è stato uno scrittore, saggista, politico e drammaturgo britannico.

Studiò a Oxford; intrapresa la carriera militare, entrò nelle Horse Guards, quindi fu nominato capitano delle Life Guards nel 1700. Designato gazzettiere dal ministro Harvey, fu poi due volte deputato al Parlamento.

La sua prima opera, The Christian Hero (L'eroe cristiano, del 1701), è un'esaltazione dell'ideale puritano della borghesia in ascesa; lo stesso tono moralistico-didattico è al fondo delle sue opere di teatro, per il quale creò la commedia sentimentale: una, soprattutto, riscosse notevole successo, The Conscious Lovers (Gli amanti coscienziosi, del 1722).

L'importanza di Steele nella storia letteraria inglese è soprattutto quella di fine saggista e di precursore del giornalismo. nel 1709, infatti, sotto lo pseudonimo di Isaac Bickerstaff, fondava il giornale The Tatler, cui si associò l'amico Joseph Addison, dove pubblicava i suoi saggi a sfondo morale, dissertazioni sul costume, commenti pieni di equilibrato buonsenso e di fine umorismo su avvenimenti e personaggi.

Chiuso The Tatler nel 1711, fondò subito dopo The Spectator sempre con la collaborazione di Addison, indi The Guardian, The Englishman, ed altri periodici, che tuttavia ebbero breve durata.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 22167754 LCCN: n80044843

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie