Riccardo Ehrman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La conferenza stampa del 9 novembre 1989, Riccardo Ehrman siede anteriore a sinistra della scrivania.

Riccardo Ehrman (Firenze, 4 novembre 1929[1]) è un giornalista italiano, passato alla storia come colui che diede inizio alla caduta del Muro di Berlino[2].

Quando?[modifica | modifica wikitesto]

Il 9 novembre 1989 nella sala stampa della DDR, il responsabile dell'informazione del partito, Günter Schabowski, rispondendo ad una domanda di Riccardo Ehrman, all'epoca corrispondente dell'ANSA, annuncia la decisione di aprire il confine tedesco per lasciar passare i cittadini che vogliono andare a Ovest.

La domanda che fece barcollare il politico tedesco fu quando il nuovo regolamento sarebbe entrato in funzione a cui seguì, non avendo ricevuto informazioni dal Politburo, la storica risposta: "a quanto ne so io, subito, da ora".

Le parole ebbero un'eco immediata e subito moltissime persone si recarono presso il muro. Le guardie di confine, sorprese e prive di indicazioni, aprirono i checkpoint e una gran massa di berlinesi dell'est si riversarono ad ovest senza controllo. Il 9 novembre è quindi considerata la data della caduta del Muro.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elenco Iscritti - Professionisti, Consiglio Nazionale Ordine dei Giornalisti. URL consultato il 7 dicembre 2012.
  2. ^  Ulisse - Il piacere della scoperta. (IT) Le Grandi Fughe Verso La Libertà - Ulisse - Il piacere della scoperta, a 34:20. YouTube, 11 agosto 2012. URL consultato in data 09 dicembre 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]