Rahotep (principe)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Staua di Rahotep, Museo egizio del Cairo

Rahotep (... – XXVI secolo a.C.) è stato un principe egizio durante la IV dinastia. Fu probabilmente il figlio del faraone Snefru e della sua prima moglie,[1] anche se Zahi Hawass ha ipotizzato che il padre in realtà fosse Huni.[2]

r
D36
R4
t p

R htp ("Ra è soddisfatto")

Biografia[modifica | modifica sorgente]

La scoperta della sua mastaba, avvenuta nel 1871 nella necropoli di Meidum, ha portato alla luce una pregevole coppia di statue che rappresentano Rahotep stesso e la moglie, Nofret.
La statua di Rahotep porta iscritti i suoi titoli e le sue cariche: viene descritto come Gran Sacerdote di Ra a Eliopoli (con il titolo aggiunto di Maggiore dei Veggenti), Direttore delle Spedizioni e Supervisore delle Opere.[3]
Possiede anche un titolo conferitogli evidentemente dalla sua posizione in seno alla famiglia reale: Il figlio del re, generato dal suo corpo.[4]

Il fratello maggiore di Rahotep fu Nefermaat mentre suo fratello minore fu Ranefer. Rahotep morì giovane, e fu così il fratellastro Medjedu, più noto come Cheope, a diventare faraone alla morte di Snefru.[5]

Nofret e Rahotep ebbero tre figli – Djedi, Itu e Neferkau – e tre figlie – Mereret, Nedjemib e Sethtet. Sono tutti rappresentati sulle pareti della tomba di Rahotep.[6]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Snofru, Rahotep's father
  2. ^ Zahi A. Hawass, Mountains of the Pharaohs: The Untold Story of the Pyramid Builders, Doubleday Books, 2006, ISBN 978-0385503051.
  3. ^ Michael Rice, Who's who in Ancient Egypt, Routledge, 1999, p. 164, ISBN 978-0415154482.|
  4. ^ Abeer El-Shahawy, The Egyptian Museum in Cairo: A Walk Through the Alleys of Ancient Egypt, Dar al-Mushaf, 2005, p. 71, ISBN 978-9771721833.
  5. ^ Rahotep and Nofret
  6. ^ Aidan Dodson & Dyan Hilton, The Complete Royal Families of Ancient Egypt, Thames & Hudson (2004) ISBN 0-500-05128-3
  7. ^ The Oxford History of Ancient Egypt, Ian Shaw, c 2000, p. 129.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]