Rachid Boudjedra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Rachid Boudjedra (Ain Beda, 1941) è uno scrittore algerino.

Interrompe gli studi liceali a Tunisi per prender parte attivamente alle rivolte che porteranno l’Algeria all’indipendenza dalla Francia. Laureato in filosofia all’università di Algeri e alla Sorbona di Parigi, è stato un attivo rappresentante a Madrid del Fronte di Liberazione Nazionale algerino durante gli anni della lotta contro il colonialismo. Diventato professore liceale di filosofia, ha insegnato nel Nordafrica, in Europa e negli Stati Uniti. A causa della sua opposizione agli integralisti islamici, fu costretto ad abbandonare l’Algeria per vari anni. Personaggio controverso, intellettuale impegnato su più fronti, Rachid Boudjedra si è imposto sulla scena della letteratura contemporanea come uno degli scrittori del Maghreb più impegnati sia da un punto di vista sociale, sia politico. Oggi vive tra Parigi e Algeri.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Cerimoniale (Epoché, 2008)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]