Prospettiva aerea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dai Jin, "Paesaggio nello stile di Yan Wengui", inizi della dinastia Ming (1368-1644); un dipinto cinese di paesaggio che utilizza una "prospettiva atmosferica" per mostrare la recessione nello spazio.
Frans Koppelaar, Paesaggio vicino Bologna, 2001; un dipinto che sfrutta la prospettiva aerea: gli oggetti distanti appaiono più chiari, con meno contrasto e più tendenti all'azzurro rispetto a quelli vicini.

La prospettiva aerea (o prospettiva a volo di uccello), come ogni forma di prospettiva, è un tentativo di rappresentare sulla superficie piana di un'opera[non chiaro] la terza dimensione, data da una illusoria profondità di campo.

La prospettiva aerea, i cui studi furono iniziati soprattutto da Leonardo da Vinci, si fonda sulla scoperta che l'aria non è un mezzo del tutto trasparente, ma con l'aumentare della distanza dal punto di osservazione i contorni divengono più sfumati, i colori sempre meno nitidi e la loro gamma tendente verso l'azzurro. Leonardo di conseguenza nella sua pittura rende gli oggetti con colori sempre più sfumati in funzione della loro distanza, rendendo più nitidi quelli in primo piano. Leonardo infatti tende a distinguere ulteriormente una "prospettiva aerea" propriamente detta, in cui si applica lo sfumato a seconda della distanza degli oggetti raffigurati, da una "prospettiva del colore" che invece teorizza il cambiamento del colore delle cose in ragione della loro lontananza.

Secondo gli studi di ottica di Leonardo, inoltre, l'aria è più densa («una aria grossa più che le altre») quanto più è vicina al suolo, mentre diventa più trasparente con l'altezza. Quindi soprattutto gli elementi di paesaggio che si sviluppano in altezza, come le montagne, appaiono più nitidi nelle parti più alte. «Adunque tu, pittore, quando fai le montagne, fa' che di colle in colle sempre le bassezze sieno più chiare che le altezze, e quanto vòi fare più lontana l'una dall'altra, fa' le bassezze più chiare; e quanto più si leverà in alto, più mostrerà la verità della forma e del colore» (manoscritto A, risalente al 1492 circa, foglio 98 recto).

Tra le opere portate spesso come esempi di applicazione della prospettiva aerea ci sono tre quadri della maturità dello stesso Leonardo: la Gioconda, Vergine con Sant'Anna e il Bambino e la Vergine delle Rocce (Parigi).

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

pittura Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pittura