Proposizione coordinata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Una proposizione coordinata è, all'interno del periodo, una proposizione collegata alla proposizione principale o ad una proposizione subordinata tramite una congiunzione coordinante (e, ma, però, dunque...). Può avere un significato proprio o contenere un'informazione in più che spiega la frase principale (senza per forza dipendere da essa).

Il ruolo della coordinazione consiste dunque nel collegare le proposizioni (o frasi semplici) all'interno di un periodo (o frase complessa).[1]

Per esempio:

  • La mamma chiamò Cappuccetto Rosso e le disse di portare un cestino alla nonna.

La mamma chiamò Cappuccetto Rosso è la proposizione principale, mentre le disse di portare un cestino alla nonna è la proposizione coordinata (tramite congiunzione e).

Tipologie[modifica | modifica wikitesto]

Le proposizioni coordinate per mezzo di congiunzioni possono essere:[2]

  • Copulative:
    • Mi ha chiamato e siamo usciti.
    • Non ti ho mai scritto né ti scriverò.

Sono introdotte dalle congiunzioni copulative affermative e, "inoltre" o da quelle negative , "neanche", "nemmeno", "neppure" in un'unione analoga ad una somma.

  • Disgiuntive:
    • Scrivimi o telefonami.
    • Resti o parti?

Sono introdotte da congiunzioni disgiuntive come o, oppure, ossia, altrimenti, ovvero. Queste principali indicano una serie di possibilità alternative.

  • Avversative:
    • Avevo promesso di venire, ma non ho potuto.
    • 'Ho un impegno per domani, tuttavia cercherò di venire con te.'
    • Vorrei, ma non posso.

Sono introdotte da congiunzioni avversative come ma, però, tuttavia, eppure, nondimeno, collegando due principali che esprimono due concetti contrastanti.

  • Dichiarative (o esplicative):
    • Hai rinunciato alla gara, cioè non ti sei presentato.
    • Tra un po' pioverà, infatti stanno arrivando delle nuvole nere e minacciose.

Sono introdotte da congiunzioni esplicative come ossia, cioè, infatti, che segnalano che la seconda spiega o precisa la prima.

  • Conclusive:
    • È arrivata ultima, quindi è giusto che non si vanti.
    • Il telefono mi è finito sotto il pullman, perciò si è rotto.

Sono introdotte da congiunzioni conclusive come dunque, perciò, pertanto, quindi, che indicano che tra la prima e la seconda proposizione c'è un nesso di conseguenza.

  • Correlative:
    • O parli tu, o parlo io
    • Non solo verrò con voi, ma porterò anche mio fratello.

Sono introdotte da congiunzioni o locuzioni correlative come ... , o... o, sia... sia, non solo... ma anche, tanto... quanto, chi... chi.

Coordinazione[modifica | modifica wikitesto]

La coordinazione può avvenire tra proposizioni principali (Luca dorme e Marco scrive) o tra proposizioni subordinate (Non usciamo - perché piove e fa freddo). Inoltre può avvenire per:

  • Polisindeto (ripetizione della congiunzione):
    • Io parlo e lui ascolta e tu stai zitto.
  • Asindeto (proposizioni separate da virgole, senza congiunzioni):
    • Io parlo, lui ascolta, tu stai zitto
    • Correlazione: mediante avverbi e pronomi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sensini, cit., pp. 480.
  2. ^ Sensini, cit., pp. 493-5.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Sintassi del periodo - Proposizioni
Logo letteratura

Proposizione principale - Proposizione coordinata - Proposizione reggente - Proposizione subordinata - Proposizione incidentale

Proposizione avversativaProposizione causaleProposizione comparativaProposizione concessivaProposizione condizionale - Proposizione consecutivaProposizione dichiarativaProposizione eccettuativaProposizione esclusivaProposizione finaleProposizione interrogativa indirettaProposizione limitativaProposizione modaleProposizione oggettivaProposizione relativaProposizione soggettivaProposizione strumentale - Proposizione temporale

Altre voci: Analisi logica del periodo - Frase - Periodo ipotetico

Voci di linguistica