Polypodium vulgare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Polypodium vulgare
Polypodium vulgare (aka).jpg
Polypodium vulgare
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Pteridophyta
Classe Pteridopsida
Ordine Filicales
Famiglia Polypodiaceae
Genere Polypodium
Specie P. vulgare
Nomenclatura binomiale
Polypodium vulgare
L.
Sinonimi

Polipodio comune

Nomi comuni

felce dolce, falsa liquirizia,
liquirizia di montagna

La felce dolce o falsa liquirizia (Polypodium vulgare L.) è una piccola felce della famiglia delle Polypodiaceae. Il nome comune deriva dal sapore dolciastro del rizoma, simile a quello della liquirizia, usato in fitoterapia come espettorante naturale.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Il nome del genere deriva dal greco polys (molti), e podòs (piede), forse per la somiglianza dei lobi della fronda a tanti piedi e dita

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Pianta perenne; rizoma strisciante, di sapore agrodolce (come sopra descritto) foglie a contorno oblungo-lanceolato, lunghe 20-30 cm, pennate; sori rotondi in due serie, parallele al nervo mediano di ciascun lobo.

Habitat[modifica | modifica sorgente]

Rupi ombrose e boschi fino oltre 1000 m.

Periodo di sporificazione[modifica | modifica sorgente]

Marzo - Settembre

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Comune.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Maria Luisa Sotti, Maria Teresa della Beffa, Le piante aromatiche. Tutte le specie più diffuse in Italia, Milano, Editoriale Giorgio Mondadori, 1989, ISBN 88-374-1057-3.
  • Giovanni Galetti, Abruzzo in fiore, Edizioni Menabò - Cooperativa Majambiente - 2008

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica