Petrus Gillius

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Petrus Gillius (modernizzato: Pierre Gilles; Albi, 1490Roma, 1555) è stato un naturalista, traduttore e topografo francese.

Viaggiò e studiò l'area del Mediterraneo e l'Oriente, scrivendo anche alcune opere tra cui De Topographia Constantinopoleos et de illius antiquitatibus libri IV, Cosmæ Indopleutes, De Bosphoro Thracio libri III ed un libro che trattava dei pesci del mar mediterraneo. Visse per molti anni a Costantinopoli, dove era stato inviato dal re francese Francesco I per recuperare antichi manoscritti. Ebbe occasione di vedere i resti della statua bronzea di Giustiniano I che era posizionata sulla sommità della colonna a lui dedicata. Molti dei suoi libri vennero pubblicati dopo la sua morte da suo nipote.

Tradusse Claudio Eliano nel 1533.

Morì a Roma di malaria, mentre seguiva il suo protettore, il cardinale Giorgio d'Armagnac.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 51828046 LCCN: n80057296

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie