Periartrite scapolo-omerale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Il termine periartrite scapolo-omerale è un'espressione generica che raggruppa numerose patologie muscolari, tendinee e articolari che possono colpire le strutture che fanno parte dell'articolazione della spalla[1].

Viene anche chiamata malattia di Duplay, dal nome del chirurgo francese Simon-Emmanuel Duplay che per primo la descrisse nel 1872[1][2].

Significato clinico[modifica | modifica wikitesto]

In passato questo termine era molto usato per definire un quadro sintomatologico caratterizzato da dolore acuto e marcata limitazione funzionale, al quale corrispondeva una radiodiagnostica caratterizzata dal reperto di calcificazioni periomerali.

Dopo la diffusione di nuove tecniche di imaging, soprattutto ecografia e risonanza magnetica, oggi è più corretto distinguere le singole patologie degenerative o infiammatorie a seconda dei muscoli e dei tendini che sono interessati.

Quadri patologici[modifica | modifica wikitesto]

Si possono distinguere cinque quadri patologici[1]:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Giunti, pp. 231-2, 1992.
  2. ^ Duplay sull'Enciclopedia Treccani

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina