Parablennius rouxi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Bavosa bianca
Parablennius rouxi 03-09-06.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Osteichthyes
Classe Actinopterygii
Ordine Perciformes
Sottordine Blennioidei
Famiglia Blenniidae
Genere Parablennius
Specie P. rouxi
Nomenclatura binomiale
Parablennius rouxi
(Cocco, 1833)
Sinonimi

Blennius rouxi (Cocco, 1833)
Blennius rouxii (Cocco, 1833)
Blennius ruxii (Cocco, 1833)

Parablennius rouxi, conosciuta comunemente come Bavosa bianca è un piccolo pesce marino appartenente alla famiglia Blenniidae[2].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è diffusa nel Mar Mediterraneo settentrionale e nel Nord-Est dell'Altlantico (dal Portogallo all'Inghilterra), da pochi metri fino a 50 metri di profondità su fondali duri, soprattutto nel coralligeno.

Particolare della testa e degli occhi

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Aspetto tipico di un Blenniidae (però piuttosto sottile e slanciato) ma facilmente riconoscibile per la livrea. Il corpo è di colore tipicamente bianco con una banda longitudinale nera, talvolta rossastra, il muso porta alcune linee azzurre. Gli occhi sono grandi sormontati da due tentacoli sopraorbitari ramificati 3 o 4 volte. Raggiunge gli 8 centimetri.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

È una specie piuttosto confidente e si lascia avvicinare abbastanza facilmente dai subacquei.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Dimorfismo sessuale pressoché assente: il maschio è solo leggermente più grande della femmina. Oviparo. Il periodo riproduttivo va da maggio a luglio. Il maschio fa la guardia alla tana dove la femmina ha deposto le uova.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si nutre di alghe, perifiton, policheti e piccoli crostacei, soprattutto copepodi[3].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Parablennius rouxi in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) Parablennius rouxi in WoRMS 2014 (World Register of Marine Species).
  3. ^ P. rouxi, alimentazione. URL consultato il 12 aprile 2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Trainito, Egidio, Atlante di flora e fauna del Mediterraneo, Milano, Il Castello, 2005, ISBN 88-8039-395-2.
  • Patrick Louisy, Guida all'identificazione dei pesci marini d'Europa e del Mediterraneo, a cura di Trainito, Egidio, Milano, Il Castello, 2006, ISBN 88-8039-472-X.
  • Costa F. Atlante dei pesci dei mari italiani Mursia 1991 ISBN 8842510033

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci