Palazzi di Venezia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alcune facciate di palazzi veneziani. In senso orario: Ca' d'Oro, Palazzo Ducale, Palazzo Barbarigo e Palazzo Balbi

La lista dei palazzi di Venezia con una certa importanza storica e/o architettonica è stata suddivisa in sei voci, una per sestiere.

Nomenclatura[modifica | modifica wikitesto]

A parte le scuole e gli edifici istituzionali (es. Palazzo Ducale), quasi tutti i palazzi sono identificati con il nome della famiglia che li ha fondati o che più vi ha lasciato il proprio segno (es. Palazzo Dario, Palazzo Fortuny). Spesso nel nome vengono citate due o più famiglie (es. Palazzo Cavalli-Franchetti), oppure è specificato il ramo della famiglia (es. Palazzo Morosini del Pestrin).

Molte residenze private mantengono la tradizionale denominazione Ca', che indicava insieme la casata e l'edificio (es. Ca' Foscari); più recente l'uso dell'italiano Casa (es. Casa Venier). Alcuni edifici di non grandi dimensioni vengono spesso indicati come Palazzetto (es. Palazzetto Stern).

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

Quasi tutti i Palazzi della città lagunare presentano elementi architettonici assimilabili, come il rispetto di uno schema decorativo tripartito, la presenza di un'ampia polifora sulla facciata principale, di un portale ad acqua, di un portale di terra e di un salone da ricevimento, detto portego, attorno al quale si sviluppavano gli altri locali. È tutt'altro che rara la presenza di una corte privata, molto spesso arricchita da una scala esterna in stile gotico o da una vera da pozzo. Più rara, data la fittezza del tessuto urbano, è invece la presenza di giardini, nonostante ve ne siano alcuni pregevoli esempi.

Dislocazione dei palazzi[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito piantine della città di Venezia con contrassegnate le posizioni dei principali palazzi presenti nella città.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]