Old St Paul's Cathedral

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stampa della Old St. Paul's come appariva prima del 1561, con la guglia intatta.

Old St. Paul's Cathedral è il nome che viene usato per riferirsi alla cattedrale gotica portante questo nome, costruita nella City of London fra il 1087 ed il 1314. Era la terza chiesa più alta del tempo e venne distrutta dal grande incendio di Londra nel 1666.

Costruzione[modifica | modifica sorgente]

La cattedrale fu la quarta chiesa, portante sempre il nome di St Paul, costruita su questo sito a Ludgate Hill e la costruzione venne iniziata dai normanni dopo il devastante incendio del 1087 che aveva distrutto la chiesa precedente. I lavori durarono più di 200 anni, e mentre era in costruzione, venne nuovamente distrutta da un incendio nel 1136. Il tetto venne costruito ancora in legno, che era stata la condanna delle cattedrali che l'avevano preceduta. La chiesa venne consacrata nel 1240 ma, un cambio nella gestione della chiesa, determinò la volontà di volerla ingrandire. Questo nuovo progetto ebbe inizio nel 1256 e venne completato nel 1314 anche se la cattedrale era stata consacrata nel 1300. Essa era allora la terza chiesa europea più lunga[1]. Scavi archeologici eseguiti nel 1878 da Francis Penrose, mostrarono che essa era lunga 179 metri e larga 30 nella navata e 87 metri all'altezza del transetto. Inoltre aveva una delle guglie più alte d'Europa, 147 metri, anche se Wren disse che si trattava di una misura sovrastimata e che essa non doveva superare la pur notevole misura di 138 metri[2]. Per fare un confronto, la cattedrale attuale misura 175 metri in lunghezza e 75 all'altezza del transetto.

Interno[modifica | modifica sorgente]

1658, pianta della Cattedrale

Le decorazioni della cattedrale costruita nel medioevo, facevano di essa la più bella cattedrale d'Inghilterra per non dire d'Europa. Scrisse così William Benham nel 1902[3]. La lunghezza enorme della navata, il triforio ed il tetto ne facevano certamente una costruzione fuori dal normale. Le vetrate erano reputate le più belle d'Inghilterra e la parte finale della chiesa un gioiello architettonico[4].

Alle pareti laterali erano allineati monumenti funebri di vescovi del periodo medioevale, di aristocratici e di due re anglosassoni.

Declino[modifica | modifica sorgente]

Facciata occidentale di Inigo Jones aggiunta fra il 1630 ed il 1666

A partire dal XVI secolo la cattedrale andò in decadimento. Sotto il regno di Enrico VIII prima ed Edoardo VI dopo, la dissoluzione dei monasteri portò alla distruzione degli interni così come il chiostro, gli ossari, la cripta, le cappelle, i reliquari, il coro ed altri edifici siti sul sagrato. Molti di questi ex edifici religiosi vennero venduti specialmente a tipografi e librai.

Sul sagrato della chiesa si radunavano grandi folle per ascoltare alcuni predicatori protestanti che nel 1449 predicavano incitando alla distruzione degli oggetti di culto e delle decorazioni della cattedrale. Nel 1561, un fulmine distrusse la guglia della cattedrale[5] che non venne più ricostruita. Questo evento venne interpretato, sia dai cattolici che dai protestanti, come un segno dell'ira del Signore. La Regina Elisabetta provvide al costo delle riparazioni.[6]

L'architetto, Inigo Jones aggiunse, alla cattedrale nel 1630, un nuovo prospetto, ma la chiesa venne nuovamente danneggiata nel corso della guerra civile inglese, quando vennero dispersi o distrutti gli antichi documenti custoditi e la navata venne utilizzata come stalla dai rivoluzionari[7].

Il grande incendio[modifica | modifica sorgente]

Resti della Cattedrale dopo il grande incendio in una stampa di Thomas Wyck, c. 1673
Dipinto del rogo della Old St Paul's Cathedral nel grande incendio di Londra del 1666

La Old St Paul's venne completamente sventrata nel corso del grande incendio di Londra del 1666, che distrusse il tetto e molte delle strutture portanti.

Dopo l'incendio vennero realizzate delle riparazioni temporanee ma ben presto venne presa la decisione di costruire una nuova Cattedrale essendo troppo costosa la sua riparazione. Seguendo i consigli di Sir Christopher Wren, il Surveyor to the King's Works ordinò la demolizione delle rovine della vecchia Cattedrale. Wren all'inizio utilizzò la polvere da sparo per demolire le robuste strutture della chiesa, ma le proteste degli abitanti della zona e la difficoltà di dosare l'intensità delle cariche esplosive fece optare per la demolizione tradizionale. I lavori di costruzione della nuova cattedrale iniziarono nel giugno 1675.[8]

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ St. Paul's sito ufficiale, accesso 28 gennaio 2007.
  2. ^ Reynolds, H., The Churches of the City of London, London:Bodley Head, 1922
  3. ^ Reynolds, H., The Churches of the City of London, London:Bodley Head, 1922
  4. ^ Reynolds, H., The Churches of the City of London, London:Bodley Head, 1922
  5. ^ Reynolds, H., The Churches of the City of London, London:Bodley Head, 1922
  6. ^ St. Paul's Cathedral timeline, accesso 28 gennaio 2007.
  7. ^ S.E. Kelly, editor, Charters of St Paul's, London, Oxford University Press, 2004.
  8. ^ 1668 la demolizione, St. Paul's sito ufficiale, accesso 30 gennaio 2007.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Coordinate: 51°30′49″N 0°05′54″W / 51.513611°N 0.098333°W51.513611; -0.098333